Corruzione: arrestato sindaco di Artena. Fu in prima linea dopo il caso Willy

Ai domiciliari il sindaco Felicetto Angelini, 2 impiegati del Comune di Artena e il presidente di una cooperativa urbanistica locale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:05
Felicetto Angelini a una manifestazione in ricordo di Willy

Ai domiciliari il sindaco di Artena, città situata nell’alta valle del fiume Sacco, sulle prime propaggini dei monti Lepini, a 30 km a sud di Roma.

L’operazione al comune di Artena

I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, alle prime luci dell’alba, al termine di accurate indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Velletri, hanno dato esecuzione a un’ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Velletri, su richiesta della locale Procura della Repubblica, che dispone gli arresti domiciliari per il sindaco Felicetto Angelini (al secondo mandato), l’assessore ai Lavori Pubblici, l’allora responsabile dell’Ufficio Tecnico, tutti del Comune di Artena, nonché per il presidente di una cooperativa urbanistica a cui lo stesso Comune aveva affidato l’istruttoria dei condoni edilizi comunali.

I reati

Le indagini dei carabinieri della compagnia di Colleferro avrebbero fatto emergere una serie di reati di concussione, tentata concussione, falsità ideologica in relazione all‘approvazione del bilancio di previsione del Comune, abusi d’ufficio.

Disposta inoltre la sospensione temporanea dai pubblici uffici nei confronti della segretaria comunale, del vice comandante della Polizia Locale e della responsabile dell’ufficio personale.

Sarebbero emersi – si legge nel comunicato dei militari – anche casi di corruzione da parte del sindaco con un ex consigliere di minoranza e dell’assessore e l’annullamento di diverse contravvenzioni per violazioni al Codice della Strada.

Willy Monteiro

Il sindaco di Artena, paese dove vivevano gli arrestati per l’omicidio di Willy Monteiro, era stato in prima linea dopo la morte del ragazzo, picchiato a sangue da 4 ragazzi mentre tentava di difendere un amico, dimostrando solidarietà alla famiglia e partecipando a varie iniziative in ricordo del giovane.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.