Il premio Nobel 2020 per l’economia a Milgrom e Wilson: le motivazioni

La Reale Accademia di Scienze di Svezia ha assegnato il premio Nobel 2020 per l'economia per degli studi che "influenzano la vita quotidiana"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:35

La Reale Accademia di Scienze di Svezia ha assegnato il premio Nobel 2020 per l’economia a Paul Milgrom e Robert Wilson.

Paul Milgrom e Robert Wilson, 72 e 83 anni sono due economisti statunitensi esperti di aste. Hanno ottenuto il riconoscimento considerato che: “le aste influenzano la nostra vita quotidiana”.

Le motivazioni

“I vincitori di scienze economiche di quest’anno hanno migliorato la teoria delle aste e inventato nuovi formati di aste. Un bell’esempio di come la ricerca di base possa successivamente generare invenzioni a vantaggio della società”.

Utilizzando la teoria delle aste, i ricercatori hanno cercato di comprendere i risultati delle diverse regole per le offerte e i prezzi finali. “L’analisi è difficile perché gli offerenti si comportano in modo strategico sulla base delle informazioni disponibili, prendendo in considerazione sia ciò che sanno loro stessi sia ciò che credono sappiano gli altri offerenti”.

“La caratteristica insolita di questo esempio è che le stesse persone che hanno sviluppato la teoria hanno anche studiato le applicazioni pratiche. La ricerca pionieristica dei vincitori sulle aste è stata quindi di grande beneficio per acquirenti, venditori e per la società nel suo insieme”.

Robert Wilson

Robert Wilson ha sviluppato la teoria per le aste di oggetti con un valore comune – un valore che è incerto in anticipo ma, alla fine, è lo stesso per tutti. Gli esempi includono il valore futuro delle frequenze radio o il volume dei minerali in una particolare area. Wilson ha mostrato perché gli offerenti razionali tendono a fare offerte al di sotto della loro migliore stima del valore comune: sono preoccupati per la ‘maledizione del vincitore‘, cioè di pagare troppo e perdere.

Paul Milgrom

Paul Milgrom ha formulato una teoria più generale delle aste che non comprende solo i valori comuni, ma anche i valori privati che variano da offerente a offerente. Ha analizzato le strategie di offerta in una serie di formati d’asta ben noti, dimostrando che un formato darà al venditore entrate attese più elevate quando gli offerenti imparano di più sui valori stimati l’uno dell’altro durante le offerte.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.