Salvini attaccato dai 5 Stelle: “Mette in pericolo il Paese”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:43

Dopo esser rimasto disorientato dall'apertura della crisi di governo da parte del vicepremier e ministro dell'Interno e segretario della Lega, il Movimento 5 Stelle restituisce il colpo nel momento in cui Salvini manda segnali di distensione e disponibilità a continuare la legislatura. “È vero, ha provato a fregarci tutti, ma alla fine si è fregato lui”, conclude il post “Salvini sceglie Silvio, ma anche lui lo snobba” pubblicato su Il Blog delle Stelle.

Il ritorno al centrodestra

Secondo i cinquestelle, Salvini avrebbe voluto far cadere l'esecutivo in carica da poco più di un anno convinto dai sondaggi che danno la Lega tra il 36 e il 38%, come scrive l'edizione online di Panorama, di poter andare alle elezioni e capitalizzare il consenso. Far calare il sipario sul governo tra il Carroccio e il Movimento, secondo i grillini, porterebbe “il Paese sull'orlo del precipizio per rincorrere i loro interessi personali”. Una mossa per far uscire da dietro le quinte Silvio Berlusconi e rispolverare la coalizione di centrodestra. Sul Blog viene citata un'intervista rilasciata dal titolare del Viminale al “Il Giornale”: “Guarda caso proprio il quotidiano della famiglia Berlusconi, in cui pubblicamente dice di voler fare “un governo del si’” insieme al Cavaliere”.

Cosa da “Prima Repubblica”

Storia di Prima Repubblica, la bollano i Cinquestelle, che leggono nella disponibilità politica del presidente e fondatore di Forza Italia l'interesse di proteggere le sue aziende. “È incredibile, nemmeno lui si fida di loro, ma è costretto a starci per farsi garantire le tv. Io ti do, tu mi dai. Ma a noi queste logiche non interessano”. E lancia un messaggio trasversale all'elettorato: “Chissà cosa penseranno adesso coloro che negli ultimi mesi si erano avvicinati per la prima volta alla Lega. Salvini ha preferito Arcore a voi”. 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.