La fine del Governo Conte vista dagli altri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:51

Apoche ore dall'intervento in Aula del Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, la notizia delle dimissioni del premier che si è sempre dichiarato “l'avvocato degli Italiani” ha avuto una vasta eco in tutta Europa. D'altronde, come ha menzionato lo stesso premier nel suo lungo intervento in Senato, l'Italia ha offerto un apporto decisivo nella designazione di Ursula von de Leyen alla presidenza della Commissione europea. Con l'ultimo voto di Bruxelles – ha ricordato Conte – s'è imposto il ruolo sostanziale del Paese all'interno dello scacchiere geopolitico del Vecchio Continente. Appare, dunque, inevitabile l'attenzione delle principali testate internazionali sul futuro politico italiano, giacché un esito differente potrebbe influire sulla partita di Bruxelles, che già si prospetta il 26 agosto, quando il governo dovrà candidare il suo commissario europeo. 

Le Monde

Esordisce parlando di “alleanza inedita” del governo giallo-verde la testata online del quotidiano francese Le Monde, che menziona la Lega come il “partito d'estrema destra” e il Movimento 5 Stelle il “partito anti-sistema”:
“Salvini ha mostrato pubblicamente, dopo il debutto del mese d'agosto, dei profondi disaccordi con Giuseppe Conte e Luigi Di Maio – riporta Le Monde – specialmente  sul cantiere della linea ferroviaria Lione-Torino e l'accoglienza delle navi umanitarie nei porti italiani, sperando di far cadere la coalizione, al potere da quattordici mesi, e tenere nuove elezioni in autunno”.

El País

Se la testata francese non cita i passi della risposta del Ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che cita i governi francese e tedesco, è la testata online de El País a farlo. Il quotidiano spagnolo riporta alcuni stralci del discorso di Conte, soffermandosi sulle implicazioni politiche che le sue azioni avranno sulle manovre della crisi. Citando l'intervento del vicepreimier Salvini, la testata scrive: “Nel suo discorso, Salvini ha affermato che il suo partito non ha paura di 'perdere le poltrone' e ha chiesto di dare la voce agli Italiani, un popolo 'libero e orgoglioso' che aspira a un governo che risponde 'solo al popolo italiano, non alla Merkel, o Macron', e che ha 'un'idea di una famiglia con figli che hanno un padre e una madre”, menzionando i valori della famiglia costitutivi del partito di cui Salvini ne è leader.

Der Spiegel

Ha fatto una cronaca del dibattito in Senato la testata online del quotidiano tedesco Der Spiegel. Da Berlino nessuna menzione all'invettiva del vicepremier relativa a una presunta influenza dell'asse Merkel a Bruxelles. Descrivendo la procedura politica della crisi dell'esecuivo, la testata ha ricordato quanto pesi sul destino della crisi la serie di “scadenze europee” dell'Italia, come la Legge di bilancio da approvare entro il 2020: “Manca poco per trovare una via d'uscita dalla crisi. Entro la fine dell'anno, la legge di bilancio per il 2020 va adottata. L'Italia è fortemente indebitata e questo è in conflitto con ciò che richiede la Commissione europea. Questa ha ripetutamente suscitato tumulti nei mercati finanziari, insieme all'incertezza politica”.

The Bbc

Anche la testata digitale britannica Bbc fa un resoconto dettagliato dello scenario politico che s'è schiuso dopo le dimissioni di Conte. Nessuna menzione del riferimento al contesto europeo, che peraltro è stato un punto nodale del discorso del Presidente del Consiglio. Sui possibili scenari politici che si profileranno, la testata britannica sottolinea come il ministro e leader del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, abbia chiuso qualsiasi prospettiva di alleanza con il senatore democratico, Matteo Renzi: “Questo rapporto non facile potrebbe rendere difficile la formazione di un governo di coalizione” scrive la Bbc.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.