Oltre 3.000 morti negli Usa, 500 nelle ultime 24 ore. Trump dona 100 milioni di aiuti sanitare all’Italia

Il presidente degli Stati Uniti "siamo pronti ad un'eventuale seconda ondata dopo l'estate"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:53

É stato un lunedì nero quello di ieri per gli Usa, il numero dei decessi per coronavirus supera le 3.000 unità, con le ultime 500 vittime in sole 24 ore. I casi accertati, come emerge dai dati elaborati dalla John Hopkins University, sono oltre 161.000. Intanto il presidente Donald Trump spiega che l’America è pronta ad affrontare un’eventuale nuova ondata di casi di coronavirus dopo l’estate. “Ma sarebbe tutta un’altra cosa” grazie alla maggiore capacità “di fare i test e alla possibilità di arrivare a un vaccino”, ha spiegato il virologo Anthony Fauci.

Conte sente Trump: “Grati agli Usa per il sostegno”

Conte, annuncia su Twitter che ha avuto una “lunga e amichevole conversazione” con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. “Sono molto grato per la solidarietà e il sostegno degli americani. Continuiamo a lavorare insieme per vincere questa difficile sfida”. All’Italia, infatti, come annunciato dallo stesso Trump, è stato donato materiale sanitario per 100 milioni di dollari da parte degli Stati Uniti.

Posizioni economiche ancora lontane in Europa

Posizioni ancora contrastanti in Europa sugli strumenti per affrontare la crisi economica che cammina di pari passo a quella del coronavirus. Il vice presidente della Bce, de Guindos, apre ai coronabond e il commissario Ue Gentiloni si dice ottimista su un accordo, ma per Berlino “la questione è come sostenere il credito e per questo c’è il Mes”. Il Fmi chiede una “reazione aggressiva” alla crisi, perché ogni mese di stop ai servizi non essenziali pesa per un -3% del Pil. Mercati europei positivi dopo una seduta in calo, lo spread poco sotto quota 200 punti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.