Navalny, Putin: “Ho permesso personalmente le cure all’estero”

L'oppositore dopo l'avvelenamento è stato curato presso la clinica Charité di Berlino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:45
Navalny

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato ieri sera di aver autorizzato personalmente il trasferimento in aeroambulanza all’ospedale Charité di Berlino del suo principale oppositore, Alexiei Navalny, che a fine agosto ha rischiato la vita per un sospetto avvelenamento. Laboratori in Germania, in Francia, in Svezia e gli esperti dell’Opac hanno trovato nelle analisi di Navalny tracce di Novichok. Questa è una potente neurotossina sviluppata in Unione Sovietica ai tempi della guerra fredda.

Le cure all’estero per Navalny

“Non appena la moglie di questo cittadino si è appellata a me, ho subito chiesto ai procuratori di verificare la possibilità di andare all’estero per le cure”. Lo ha dichiarato Putin in tv rimarcando che Navalny ha potuto viaggiare nonostante le restrizioni imposte per un’indagine. Navalny è collassato a bordo di un aereo. Dopo è stato ricoverato per due giorni in un ospedale di Omsk. Successivamente è stato trasportato in aeroambulanza e in stato di coma alla clinica Charité di Berlino.

Il possibile coinvolgimento dei servizi segreti

Inizialmente, i medici di Omsk impedivano il trasferimento in aeroambulanza del paziente. Sostenevano che le sue condizioni fossero instabili. Per il suo avvelenamento, l’Ue ha imposto sanzioni a sei alti funzionari russi, tra cui il direttore dei servizi di intelligence (Fsb) Aleksandr Bortnikov. Secondo l’Ue, infatti, l’avvelenamento col Novichok non sarebbe stato possibile senza il coinvolgimento dei servizi segreti, del ministero della Difesa russo e dell’ufficio esecutivo del Cremlino.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.