Aretha Franklin gravemente malata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:53

La regina della soul music, la grande Aretha Franklin, sarebbe gravemente ammalata e in fin di vita. La cantante, 76 anni, sarebbe in fin di vita a Detroit e la famiglia avrebbe chiesto “preghiere e privacy”. A riferirlo per primo è stato il sito Showbiz411, ma la notizia è rimbalzata subito sui media americani. All'artista era stato diagnosticato un cancro nel 2010 e da allora combatteva con forza la malattia, senza rinunciare ad esibirsi: la sua ultima performance pubblica risale al novembre dello scorso anno, quando ha cantato in favore della fondazione contro l’Aids di Elton John, a New York. 

I successi

Aretha Louise Franklin è nata a Memphis il 25 marzo 1942 da padre battista che la spinse a cantare nel coro della chiesa. Cantautrice e pianista, una delle icone della musica gospel, soul e R&B, è soprannominata “La Regina del Soul” per le sue enormi qualità vocali. Divenne famosa verso la fine degli anni '60 divenendo simbolo per le minoranze di colore americane, soprattutto con la sua interpretazione del brano Respect di Otis Redding, che divenne un inno dei movimenti femministi e per i diritti civili degli afroamericani.

Tra i singoli di successo di quegli anni si ricordano Chain of Fools, (You Make Me Feel Like) A Natural Woman, Think e Baby I Love You. Dopo l'istituzione della categoria R&B in seno ai Grammy Award nel 1968, divenne imbattibile meritandosi per otto anni consecutivi quello della categoria “Best Female R&B Vocal Performance” e guadagnandone altri tre anche negli anni ottanta, per un totale di ventitré nomination e ben 18 grammofonini, record tuttora imbattuto. In suo onore, lo Stato del Michigan ha ufficialmente dichiarato la sua voce “una meraviglia della natura”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.