ALL’AQUILA LA WOODSTOCK DEL JAZZ

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:45

Oltre 12 ore di musica, seicento musicisti e 100 concerti. La città dell’Aquila “Sarà una Woodstock del jazz”. Queste le parole del Ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini, alla presentazione del jazz italiano per L’Aquila, un evento unico, in programa il 6 settembre, che unirà la migliore musica jazz italiana alla solidarietà. Firmata dal direttore artistico Paolo Fresu, la maratona musicale porterà nel centro storico della città maestri come Enrico Rava, Danilo Rea, Enrico Pieranunzi e giovani emergenti, tutti a titolo gratuito.

L’evento nasce da un’idea del ministro Franceschini e riceverà un contributo dal Mibact e dalla Siae, ma solo per le spese organizzative poiché, come ha sottolineato lo stesso Franceschini, “tutti i musicisti suoneranno gratuitamente in questa iniziativa di solidarietà”. Fresu spiega che “Rappresenteremo la ricchezza del jazz italiano nei luoghi più belli dell’Aquila, in mezzo ai cantieri, e speriamo di avere un pubblico numeroso. Il nostro jazz è molto variegato e credo possa trovare un suo spazio come lo hanno già trovato da molto tempo altri generi musicali. Invitiamo tutta l’Europa a venire il 6 settembre, non soltanto per manifestare la solidarietà all’Aquila, ma anche per rendersi conto della ricchezza del jazz italiano”.

“L’Aquila – ha aggiunto il vice sindaco Nicola Trifuoggi – è stata ricostruita al 97-98% per quanto riguarda la periferia mentre è in ritardo la ricostruzione del centro storico. Entro la fine dell’anno contiamo di far partire i lavori per l’asse principale della città e le strade adiacenti. La popolazione dell’Aquila non si è ancora ripresa e ha bisogno di sentire la solidarietà e la vicinanza degli altri e per questo motivo l’iniziativa che presentiamo è molto importante”. La Rai garantirà una copertura con tutti i canali radiofonici, Rai Cultura e Rai 5 e con dei servizi all’interno dei telegiornali.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.