Malawi, oltre 400 persone fuggono dai centri di quarantena

Uno degli "evasi" ha spiegato che le condizioni in cui dovevano vivere erano molto precarie, con bagni e docce terribili e, a volte, tutto a loro spese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:18

“Come potevano aspettarsi che restassimo lì?”, è questa la domanda che ha posto, intervistato da un’emittente televisiva locale, una delle persone che sono fuggite dai centri di isolamento anticovid in Africa.

Il caso

Come riporta l’Ansa, oltre 400 persone sono fuggite nei centri di isolamenti imposti per contenere la diffusione del coronavirus. Il caso più recente è del Malawi, con quasi 441 cittadini rientrati dal Sudafrica lunedì sera e fuggiti da due strutture a Blantyre, città a sud del Paese. Come specifica Le Monde, in una erano stati messi i 16 risultati positivi al coronavirus, mentre lo stadio Kamuzu, allestito come centro di quarantena, ha ospitato gli altri in attesa dei risultati degli esami. “Sono tornati tutti a casa da soli”, ha detto Gift Kawaladzira, funzionario sanitario dell’omonimo distretto di Blantyre. “I servizi sanitari hanno i loro dati e inizieranno a cercarli. Il pericolo è che ora si nascondano alle autorità. Se la maggior parte di loro ha contratto Covid-19, allora abbiamo un problema serio”, ha aggiunto.

Le dichiarazioni di un “evaso”

Interrogato da un’emittente televisiva locale, uno degli’evasi’ ha spiegato di aver lasciato lo stadio di Blantyre con i suoi compagni perché le autorità non provvedevano ai loro bisogni primari. “Non ci hanno dato nulla, i bagni e le docce erano in condizioni terribili”, ha detto Doreen Lemani. “Come potevano aspettarsi che restassimo lì?” ha chiesto, sottolineando le condizioni precarie in cui dovevano vivere, talvolta anche a loro spese.

La situazione Covid-19 in Malawi

Considerato uno dei Paesi più poveri del pianeta, il Malawi riporta a oggi 101 casi di contagio e quattro decessi. Il presidente Peter Mutharika aveva ordinato il confinamento della popolazione, ma la magistratura ha raccolto gli appelli della società civile sospendendone l’entrata in vigore. Le restrizioni, infatti, metterebbero a rischio la vita dei più poveri, data l’assenza di aiuti alimentari da parte del governo. Nel Paese sono vietati i raduni con oltre 100 persone, ma i partiti continuano a portare avanti l’affollata campagna elettorale, con migliaia di sostenitori riuniti in vista delle elezioni presidenziali previste il prossimo 23 giugno.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.