La Grecia riapre agli italiani: “Via alle limitazioni da lunedì”

I ministri degli esteri Di Maio e Dendias firmano un accordo di delimitazione delle rispettive zone marittime

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:32
grecia

Buone notizie per gli amanti dei viaggi e del mare. La Grecia, infatti, ha deciso di riaprire i suoi confini anche agli italiani. Decisione che ribalta quella presa dal Paese ellenico lo scorso 29 maggio, quando aveva riaperto a 29 Paesi, ma tra questi non c’era il nostro Stato. Successivamente, la Grecia – esattamente il 31 maggio – aveva dato l’ok per i turisti in arrivo dall’Italia ma con i test per chi proveniva da Emilia-Romagna, Piemonte, Veneto e Lombardia.

La riapertura dei confini

Dal 15 giugno prossimo, la Grecia ha deciso di riaprire gradualmente i confini con il nostro Paese dopo la chiusura a causa del coronavirus. Ad annunciarlo, il ministro degli esteri greco Nikos Dendias, in conferenza stampa ad Atene con il suo omologo italiano, Luigi Di Maio. “Il ministro Di Maio mi ha aggiornato sui dati in Italia nettamente migliorati. La Grecia toglie dal prossimo lunedì, in maniera graduale fino alla fine del mese, le limitazioni nei confronti dell’Italia. Esprimo i sentimenti di solidarietà da parte del popolo greco al popolo italiano”, ha detto il ministro greco.

Di Maio: “Contento e rassicurato”

“Sono contento che l’amico Dendias mi abbia rassicurato sul fatto che la Grecia aprirà all’Italia sicuramente entro la fine del mese, eliminando qualsiasi tipo di blocco e obbligo di quarantena per gli italiani con l’impegno a valutare, in base ai dati, una riapertura già dalle prossime settimane”, ha affermato Di Maio, aggiungendo di aver siglato con il suo omologo greco un “accordo di delimitazione delle rispettive zone marittime nonché due ulteriori strumenti giuridici relativi sia alle risorse del Mediterraneo sia alla tutela dei diritti storici italiani di pesca nelle acque greche. I nostri pescatori vedranno tutelati i loro diritti, sempre nel rispetto dei diritti sovrani della Grecia”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com