Tutto pronto per lo “scontro” tra Zingaretti, Martina e Giachetti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30

Mancano poche ore alle primarie per eleggere il segretario del Pd. I contendenti sono Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, che ha prevalso nella prima fase del congresso riservata agli iscritti con oltre il 47%. Secondo é arrivato Maurizio Martina, deputato ed ex segretario reggente, con poco più del 36%; terzo Roberto Giachetti, deputato, oltre l'11%. 

Il vademecum

Per permettere a militanti ed elettori di partecipare, la Commissione Congresso del Partito democratico ha deliberato un apposito vademecum con tutto ciò che bisogna sapere per votare. Il vademecum è consultabile sul sito del Pd, dove è possibile anche visionare il fac simile delle schede, con tutte le simulazioni di voto. 

I seggi

I cittadini avranno a disposizione oltre 7.000 seggi allestiti tra Italia ed estero, 150 dei quali sparsi in tutti i Continenti. Anche quest'anno sono stati previsti seggi speciali in ospedali, case di cura e case di riposo. L'impegno e la disponibilità di oltre 35.000 tra volontari, iscritti e militanti, rendono possibile l'apertura dei seggi, le attività logistiche e la partecipazione al voto.

Chi può votare e quando

Possono partecipare al voto per l'elezione del segretario e dell'Assemblea nazionale le elettrici e gli elettori che al momento del voto “dichiarino di riconoscersi nella proposta politica del Partito, di sostenerlo alle elezioni, e accettino di essere registrate nell'Albo pubblico delle elettrici e degli elettori”. Per “elettrici ed elettori” si intendono le persone che, cittadine e cittadini italiani, nonchè dell'Unione Europea residenti in Italia, cittadine e cittadini di altri Paesi in possesso di permesso di soggiorno, iscritti e non iscritti al Pd, che abbiano compiuto il sedicesimo anno di età. Le operazioni di voto si svolgeranno domenica 2 marzo, dalle ore 8 alle ore 20, senza interruzione

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.