Torna l'ora solare: stanotte si dorme un'ora in più

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:55

Torna l'ora solare. Dopo sette mesi di ora legale, alle 3 di domenica 27 ottobre le lancette dell'orologio dovranno essere spostate un'ora indietro: in tal modo, si dormirà un'ora in più. L'ora solare resterà in vigore fino all'ultimo fine settimana di marzo 2020, per la precisione resterà in vigore fino al 29 marzo 2020 poi, nel corso dell'anno successivo, tutto dipenderà dalla decisione di ciascun Stato membro dell'Ue. Il Parlamento europeo ha infatti appoggiato apertamente la proposta della Commissione di abolire il cambio tra ora legale e ora solare, ma ha chiesto di spostare la data di entrata in vigore della novità al 2019 al 2021. In pratica, spiega Today.it gli Stati membri che decidono di mantenere l'ora legale dovrebbero cambiare le lancette dell'orologio per l'ultima volta l'ultima domenica di marzo 2021, mentre quelli che preferiscono mantenere l'ora solare dovrebbero farlo l'ultima domenica di ottobre 2021. L'Italia deve ancora decidere.

Salute

E come ogni anno, fioccano in rete i consigli per “sopravvivere” al cambio d'ora. Secondo Vincenza Castronovo, psicologa e psicoterapeuta al Centro di medicina del sonno dell’Ospedale San Raffaele di Milano su iltempo.it, sebbene il “fuso orario” sia soltanto di 60 minuti, un cambiamento apparentemente minimo, il fisico di tante persone impiega alcuni giorni per questo adattamento, mediamente una settimana. Il consiglio? Cominciare a posticipare di una decina di minuti gli orari del sonno e dei pasti già da qualche giorno prima al cambio e, nei giorni successivi, fare movimento nella seconda parte della giornata e prolungare l’esposizione alla luce solare per mandare al corpo il segnale che è ancora presto per andare a letto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.