“TERRA DEI FUOCHI” ALLE PORTE DI TORINO: SCOPERTA DISCARICA CON 450 TONNELLATE DI VELENI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:45

C’erano 450 tonnellate di rifiuti speciali pericolosi in un capannone industriale abbandonato a San Gilio, nel Torinese, alle porte del capoluogo e a ridosso del centro abitato. A scoprire la “terra dei fuochi” piemontese sono stati i militari del Comando provinciale della Guardia di Finanzia di Torino. I finanzieri hanno notato sul piazzale, visibile anche dall’esterno, “cumuli disomogenei” di rifiuti in evidente stato di abbandono. Dopo aver individuato il proprietario e l’utilizzatore dell’area, che si estende per circa cinquanta metri quadrati, i “baschi verdi” sono entrati per le verifiche sui materiali eseguite insieme all’Arpas Piemonte. È stata confermata la grave pericolosità dei materiali, riconducibili in parte all’attività di officina meccanica ed elettromeccanica e di stampaggio di materiali a freddo, svolta negli anni scorsi da una ditta di San Gillio dichiarata fallita nel maggio 2006, e in parte a una società immobiliare attuale proprietaria del sito.

Al termine delle attività di rilevazione, spiega la Finanza, sono stati sequestrati rifiuti speciali e pericolosi per circa 450 tonnellate, delle quali 430 provenienti da lavori di demolizione, 12 da fibra d’amianto e la restante parte, per oltre 6 tonnellate, di prodotti chimici da decontaminare. Il percolato dei materiali rinvenuti dai finanzieri, in parte, avrebbe potuto finire negli scarichi per il recupero dell’acqua piovana. Al momento l’amministratore unico dell’immobiliare proprietaria del sito è stato denunciato per deposito incontrollato di rifiuti; è anche stato segnalato al Comune per le violazioni in materia di edilizia e urbanistica, per avere effettuato lavori di demolizione in assenza di autorizzazione. Proseguono gli accertamenti per la messa in sicurezza del sito e per verificare eventuale contaminazione ambientale.

“Liberare l’Italia dagli inquinatori”: ribadendo questo obiettivo il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, si è complimentato con la Guardia di finanza. “Le mie congratulazioni – ha detto – per l’importante operazione che ha permesso il sequestro di 450 tonnellate di rifiuti pericolosi nel Torinese. Contro chi avvelena il nostro territorio abbiamo scelto di condurre una battaglia senza quartiere, affiancando al tenace lavoro di magistrati e forze dell’ordine l’introduzione degli ecoreati nel Codice penale: una vera svolta per restituire la certezza ai cittadini di vivere in zone sicure sotto il profilo ambientale e liberare l’Italia dagli inquinatori”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.