“Tav? Incompresibile il dibattito, si deve fare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:15

È un dibattito che non capisco. Perché i due Paesi hanno concluso tre accordi successivi e durante questo periodo, che è stato lungo, i Paesi vicini come la Svizzera e l'Austria sono avanzati molto. Gli svizzeri hanno già liberato due tunnel di base, uno di questi è il San Gottardo, e come sapete l'Italia e l'Austria fanno progressi sul serio per quanto riguarda il tunnel del Brennero. Quindi non è normale che l'Italia sia d'accordo per il tunnel Nord-Sud, ma non é d'accordo per l'unico tunnel Est-Ovest“. Così Louis Besson, presidente della Commissione intergovernativa italo-francese Tav, ad Agorà Rai Tre, sul dibattito italiano sulla realizzazione della Tav. Per Besson “non è convincente” l'analisi costi-benefici sulla Tav, realizzata dal ministero delle Infrastrutture e “prima o poi ci sarà un governo in Italia che deciderà di continuare quest'opera. E i lavori riprenderanno”. “Non è possibile – sostiene Besson – fare altrimenti, perché l'attuale galleria storica è ad alta altitudine, molto vecchia, e del 19mo secolo, ed il suo stato è preoccupante. Non ci saranno più le condizioni di sicurezza e quindi Italia e Francia non saranno stupidi tanto da fare una galleria ad alta altitudine quando tutte le altre gallerie dell'Europa sono a bassa altitudine. Quindi ci sarà un governo italiano che porterà a termine l'opera. Questo è poco, ma sicuro”.

Bandi di gara

Ma intanto il M5s tiene il punto sul no alla grande opera. Il capogruppo M5s al Senato, Stefano Patuanelli, intervistato da Repubblica, afferma: “Dall'interlocuzione con la Francia e con l'Europa il presidente Conte individuerà il percorso adatto per bloccare quest'opera e sarà quella la posizione del governo“. Quanto all'avvio dei bandi, l'esponente pentastellato sottolinea che la novità è quello che scrive Telt, la società italo-francese responsabile della realizzazione e della gestione della futura Torino-Lione, “negli ultimi due passaggi della lettera inviata al premier. Quando certifica che non ci sarà il rischio di penali e in più garantisce che per far partire i capitolati d'appalto servirà il preventivo assenso del governo“. Intanto oggi è previsto il cda di Telt, all'ordine del giorno la conclusione della discussione sui bandi di gara da 2,3 miliardi per lo scavo del tunnel di base.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.