Salvini: “La Francia scarica altri migranti in Italia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:12

Questa mattina alle 9.30 un cittadino di Claviere ha filmato la polizia di Macron che entra in Italia e lascia per strada un gruppo di persone. Chi sono? da Dove vengono? Perché non siamo stati avvertiti?”. Lo denuncia il ministro dell'Interno Matteo Salvini postando il video sulla sua pagina Facebook. “Senza spiegazioni rapide, complete e convincenti – aggiunge il ministro dell'Interno – ci troveremmo di fronte a una provocazione e a un atto ostile“.

Nel video si vede una jeep bianca con i lampeggianti sul tetto, ferma sul bordo della strada: l'auto è ripresa dall'alto e accanto ci sono tre presunti migranti, un paio dei quali con degli zaini, e una quarta persona, un uomo con pantaloni blu e una camicia azzurra. E' lui ad indicare ai tre un punto al di là della strada. Una volta che i tre hanno attraversato, l'uomo sale in auto, che riparte immediatamente. Il video, secondo quanto riferisce il Viminale, è stato girato questa mattina alle 9.30 a Claviere e chi lo ha girato, “è una persona con nome e cognome e, se necessario, è disponibile a confermare l'episodio alle autorità competenti”. “La Francia ha ammesso che venerdì scorso ha trasportato, 'per errore', un paio di immigrati in territorio italiano – dice Salvini – A Parigi si sono perfino risentiti, perché non ho accettato le scuse e ho chiesto mi venissero fornite le generalità degli stranieri abbandonati nei boschi. I francesi non hanno risposto”. E ora c'è questo nuovo video. “Un episodio che può danneggiare gravemente i rapporti Italia-Francia, e non per nostra scelta. Ci riflettano anche gli amici del Movimento 5 Stelle – conclude Salvini – chi vuole mettere in difficoltà il Paese non è tra di noi, ma è fuori…”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.