Salvini: “Così farò cambiare la musica”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:48

Achi accusa il ministro dell'Interno Matteo Salvini di non avere una progettualità sul tema dell'immigrazione, il segretario della Lega risponde con una serie di iniziative che vuole mettere in pratica a breve. Più investimenti in Libia, stop ai 35euro ai migranti, obbligo per le navi italiane di non operare lontano dalle nostre coste: queste le sue tre direttrici. Inoltre, tiene fede alla linea dura nei confronti delle navi delle ong: per loro, i porti italiani restano chiusi.

“Serraj ha chiesto all'Italia un intervento – spiega Salvini in un'intervista -, io e il governo ci saremo. Andrò presto in Libia per parlare con lui. Un nostro intervento, con la Nato, è utile: per la lotta al terrorismo, ma anche per non parlare solo di migranti e barconi. Ma di economia e business, di cultura e politica“; il suo intento è ripristinare tra Italia e Libia una “collaborazione economica per investire in strade, infrastrutture, ospedali”. Il ministro annuncia quindi una stretta sugli interventi in mare: “Marina Militare e Guardia costiera continueranno a salvare vite come hanno fatto meritoriamente fino a oggi, ma poi ragionerò coi ministri Toninelli e Trenta sul fatto che è giusto salvare vite, però non sta scritto sulla Bibbia che dobbiamo essere gli unici a girare per tutto il Mediterraneo”.

Il vicepremier è quindi tornato ad attaccare le ong: “Mi pare che questi abbiano gettato la maschera. Non sono generosi, cristiani, che salvano il prossimo, ma nascondono precisi interessi economici. Sono finanziati direttamente da persone come Soros che non vuole aiutare i bambini che scappano, ma creare nuovi schiavi. Ecco perché continueremo a non far entrare le navi ong e a dirottarle in altri Paesi”. “Cambierà la musica” – per usare una sua espressione nel corso di un comizio ieri sera a Sondrio – anche per quanto riguarda i fondi dello Stato ai migranti. “Cambierà la musica dai prossimi giorni – dice Salvini -, siccome ci dicono che queste cooperative accolgono presunti profughi perché hanno il cuore d’oro, perché sono generosi e sono buoni, siccome lo fanno perché sono generosi a 35 euro, io voglio vedere se gli taglio un po’ di questi 35 euro se continuano a farlo lo stesso perché sono buoni e generosi. Vedremo”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.