RIFORMA DELLA COSTITUZIONE, RIPRESO L’ESAME E SPUNTA UN EMENDAMENTO “CANGURO”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30

E’ ripreso al Senato, dopo la sospensione chiesta da Ncd e accordata da Pietro Grasso, l’esame degli emendamenti al Ddl Boschi. Il presidente dell’Assemblea di palazzo Madama ha dichiarato “ammissibili” 19 votazioni segrete. Intanto spunta un emendamento “canguro” che potrebbe portare all’approvazione dell’art. 1 in tempi ben più rapidi del previsto. Si tratta del numero 1.203 a firma Roberto Cociancich, senatore Pd, che in sostanza riscrive la disposizione, riprendendo il contenuto dell’emendamento Finocchiaro frutto dell’accordo di maggioranza. La norma Cociancich è tra quelli ritenuti ammissibili dal presidente del Senato, Piero Grasso. Se passasse, decadrebbero molti emendamenti tra i “superstiti”, bypassando la scure sul super-canguro Esposito calata dalle inammissibilità di Grasso.

Essendo un sostitutivo potrebbe essere tra i primi ad essere votati. Ecco il testo dell’emendamento 1.203 Cociancich: “Al comma 1, capoverso ‘articolo 55 della Costituzione’, sostituire il quinto comma con il seguente: ‘5. Il Senato della Repubblica rappresenta le istituzioni territoriali ed esercita funzioni di raccordo tra lo Stato e gli altri enti costitutivi della Repubblica. Concorre all’esercizio della funzione legislativa nei casi e secondo le modalità stabiliti dalla Costituzione, nonché all’esercizio delle funzioni di raccordo tra lo Stato, gli altri enti costitutivi della Repubblica e l’Unione europea. Partecipa alle decisioni dirette alla formazione e all’attuazione degli atti normativi e delle politiche dell’Unione europea. Valuta le politiche pubbliche e l’attivita` delle pubbliche amministrazioni e verifica l’impatto delle politiche dell’Unione europea sui territori. Con- — 51 — corre ad esprimere pareri sulle nomine di competenza del Governo nei casi previsti dalla legge e a verificare l’attuazione delle leggi dello Stato'”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.