RENZI SULLA BREXIT: “L’EUROPA CAMBI PAGINA, NECESSARIO UN RINNOVAMENTO PROFONDO”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:11

Torna sulla Brexit il premier Matteo Renzi, spronando l’Europa a voltare pagina. Alla vigilia del vertice di Berlino con la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese François Hollande, il presidente del consiglio parla al Tg1 del futuro dell’Unione Europea dopo il referendum che ha sancito la fuoriuscita della Gran Bretagna dalla Unione Europea e auspica più attenzione alla crescita e ai giovani.

“Il fatto che abbiano chiamato l’Italia nel gruppo di testa, nella cabina di regia, è un segno importante, finalmente il nostro Paese è diventato stabile e affidabile” dice il premier riferendosi al vertice di sabato scorso tra i capi della diplomazia dei sei Paesi fondatori dell’Ue (oltre all’Italia, Germania, Francia, Olanda, Lussemburgo e Belgio). “Non possiamo stare un altro anno a discutere dell’uscita della Gran Bretagna dalla Ue – prosegue Renzi – la partita è finita, ora si volta pagina: hanno votato, rispetto la democrazia inglese. Ma ora bisogna occuparsi dell’Europa”.

Il Premier si augura una processo di rinnovamento profondo. D’ora in poi, è l’auspicio, l’Europa cambi le sue priorità, “finalmente metta al centro la crescita. È arrivato il momento di voltare pagina. Gli italiani lo chiedono da tempo. Spero ci seguano anche i francesi e i tedeschi”. “Ove ci siano difficoltà il governo e le istituzioni europee sono pronti a intervenire per dare certezza e fiducia ai risparmiatori e ai consumatori” dice Renzi che esclude rischi per l’Italia dopo il sì della Gran Bretagna.

In merito al referendum costituzionale italiano spiega: “A ottobre chi vota sì riduce il numero dei parlamentari, gli sprechi delle Regioni, i consiglieri regionali, e in definitiva riduce il numero dei politici”. Infine, il rischio di un rafforzamento dei partiti euroscettici: “Anche qui si rafforzeranno, come Lega e M5S da sempre contro l’euro. Noi pensiamo che la stragrande maggioranza degli italiani voglia stare in Europa, ma dobbiamo avere un’Europa con l’anima”, conclude il Premier.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.