Rabbia e dolore ai funerali delle 4 vittime di Torre del Greco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:34

Si sono svolti oggi pomeriggio i funerali delle quattro vittime del crollo di Genova originarie di Torre del Greco. Cerimonia in forma privata dopo il 'no' ai funerali di Stato di domani. Un rifiuto dettato, come ribadisce uno dei quattro padri delegato a parlare anche a nome delle altre tre famiglie, non da polemica ma dalla volontà di dare l'ultimo saluto ai cari nella chiesa della città natale. Roberto Battiloro, padre di Giovanni, ha dichiarato alla stampa: “Abbiamo voluto i funerali nella nostra terra perchè abbiamo sentito tutti vicino e perchè volevamo riportarli a casa. Io adesso punto il dito oltre che contro il destino beffardo, soprattutto contro chi non ha pensato che sul quel ponte potessero esserci dei ragazzi e quindi è stato negligente nel passato. Oggi piangiamo i nostri cari ma da domani, inizieremo la nostra battaglia per far si che tragedie del genere non accadano più”.

Pianti e urla

Pienissimo il piazzale all'esterno della Basilica di Santa Croce  dove la commozione si è alternata alla rabbia per quanto successo nel capoluogo ligure martedì scorso. Pianti, ma anche grida e poi striscioni: su uno si legge: “Non esiste perdono senza giustizia”.

L'omelia

Anche il cardinal Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, durante l'omelia non ha attribuitò la tragedia alla fatalità, ma ha parlato di responsabilità reali:  “Siamo riuniti in questa chiesa per pregare per questi nostri fratelli immaturamente morti per la tanta incuria che si è manifestata in questo drammatico evento“. Il presule napoletano ha parlato apertamente di “violenza consumata non dal destino ma dalla mano dell'uomo che si sostituisce alla mano di Dio per i propri interessi personali e che diventa una mano che porta morte”. 

Funerali di Stato

Giovanni Battiloro, Matteo Bertonati, Gerardo Esposito e Antonio Stanzione hanno trovato la morte nella stessa macchina con la quale si stavano dirigendo in Francia per andare in vacanza. Le quattro vittime della provincia di Napoli sono fra i 20 morti che non avranno il funerale di Stato. Soltanto 18 famiglie, infatti, hanno finora accettato la cerimonia ufficiale per l'ultimo saluto ai loro cari.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.