Processo Siram: assolto Belsito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:16

L'ex tesoriere della Lega Nord Francesco Belsito è stato assolto nell'ambito del processo nato dall'inchiesta sulla presunta associazione a delinquere finalizzata a intercettare commesse di aziende a partecipazione pubblica tra cui Siram, Fincantieri e Gnv. Per lui il procuratore aggiunto Vittorio Ranieri Miniati aveva chiesto la condanna a 4 anni.

Il giudizio

Assieme a Belsito erano finiti alla sbarra anche Romolo Girardelli (pm aveva chiesto 3 anni e 6 mesi), Stefano Bonet (5 anni) e Stefano Lombardelli, ex manager Fincantieri, tutti assolti. Il processo era stato trasferito da Milano a Genova su richiesta dei difensori, gli avvocati Giuseppe Maria Gallo e Maurizio Vinciguerra. L'accusa era di associazione per delinquere finalizzata all'appropriazione indebita, al riciclaggio e alla truffa. Tra i fatti contestati anche una truffa ai danni dello Stato per oltre 8 milioni, tra il 2010 e il 2011, per aver tratto in in inganno l'erario pubblico. La Lega Nord e il ministero dell'Interno si erano costituiti parte civile.

L'azienda

Siram comunque si è detta totalmente estranea al processo penale davanti il Tribunale di Genova. “Il filone dell'indagine che, in passato, ha interessato Siram – aveva fatto sapere l'azienda – riguardava un'agevolazione fiscale di cui era stata contestata la legittimità. Rispetto a essa, sin dal 2012, Siram ha regolarizzato la propria posizione con l'Agenzia delle Entrate. Inoltre, nel mese di maggio 2018, il Tribunale di Milano, davanti al quale pendeva l'indagine, ha pronunciato sentenza di non doversi procedere in relazione a tutti i capi di imputazione e a tutti gli imputati, compresa Siram”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.