Parità retributiva: un traguardo ancora lontano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:38

Quest’anno la Giornata europea della parità retributiva cade il 4 novembre e segna il giorno in cui le donne smettono simbolicamente di essere pagate meno rispetto ai loro colleghi maschi per lo stesso lavoro. UN traguardo lontano in Italia come in Europa. Le donne nell’Unione europea infatti guadagnano ancora in media il 16% in meno rispetto agli uomini, con un leggero miglioramento rispetto al 16,2% dell’anno scorso.

Parità retributiva

In vista di questa giornata, il primo vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans, e le commissarie Marianne Thyssen e Vera Jourová, dichiarano: “Sono passati 60 anni da quando il principio della parità retributiva è stato scritto nei trattati europei, eppure le donne in Europa lavorano ancora gratis per due mesi l’anno rispetto ai loro colleghi maschi”. “Sebbene negli ultimi cinque anni abbiamo compiuto alcuni passi nella giusta direzione, è necessario fare di più e più rapidamente”. Aggiungono: “la trasparenza salariale è importante. In effetti, il 64% degli europei ha dichiarato di essere favorevole alla pubblicazione dei salari medi per tipo di lavoro e genere nella propria azienda”. “La trasparenza retributiva, combinata con altre soluzioni come una distribuzione equa delle responsabilità di assistenza familiare tra donne e uomini – resa possibile dalla nuova direttiva Ue sul congedo parentale e assistenziale – ci aiuterebbe ad affrontare le cause profonde del divario retributivo di genere”. “Accogliamo pertanto con favore l’annuncio della presidente eletta von der Leyen di presentare misure che introducono una trasparenza salariale vincolante nei primi 100 giorni del nuovo mandato”. La differenza salariale più alta tra uomini e donne in Ue si registra in Estonia (25,6%), Repubblica Ceca (21,1%) e Germania (21%). Mentre la più bassa è in Romania (3,5%), Italia e Lussemburgo (5%), seguite dal Belgio (6%). da quanto emerge dai dati pubblicati dalla Commissione Ue a pochi giorni dalla Giornata europea per la parità retributiva, il gender pay gap italiano ancora c'è ma si assottiglia e risulta essere tra i più ridotti in Europa: nel nostro Paese le donne guadagnano in media il 5% in meno degli uomini, una differenza molto più bassa rispetto alla media europea che si attesta al 16%. Ma ancora troppo alta.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.