OMICIDIO DI MARTA RUSSO: SCATTONE INSEGNERA’ IN UNA SCUOLA ROMANA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30

Maurizio Scattone torna in aula. L’ex assistente universitario di filosofia del diritto, condannato per l’omicidio di Marta Russo, insegnerà agli studenti dell’Istituto professionale “Luigi Einaudi” di Roma. L’uomo che si è sempre dichiarato innocente, ha superato il concorso del 2012, e può tornare in cattedra dal momento che la Suprema Corte ha stabilito, a suo tempo, che non venisse applicata la pena accessoria di interdizione all’insegnamento. Nel 2011 aveva suscitato clamore la notizia di una sua supplenza al liceo scientifico Cavour, stesso istituto frequentato da Marta Russo, tanto che alla fine aveva rinunciato.

Scattone ieri ha partecipato al collegio docenti. “Ci ho scambiato giusto due parole – ha raccontato all’Adnkronos una delle insegnanti dell’Istituto che preferisce rimanere anonima – Sembrava sereno, sorridente. Parlava di lavoro con gli altri professori come se niente fosse”. La questione, aggiunge, è che “al di là se sia bravo o meno come insegnante, ad alcuni di noi pare poco opportuno proporre come educatore a dei ragazzi delle superiori una persona con quel trascorso. In fondo, ci sono tanti lavori che si possono fare”.

“E’ anche per i ragazzi la perplessità – spiega la professoressa – Non so come la prenderanno, vedremo. Dal mio punto di vista, c’è il rischio che come insegnante possa essere poco autorevole, che possa essere messo in discussione dai suoi studenti, magari non considerato un modello”. “Certo – sottolinea – poi c’è anche chi ritiene che, avendo saldato il suo conto con la giustizia, Scattone non vada giudicato e che sia nel pieno diritto, anche di insegnare. Staremo a vedere come reagiranno le famiglie”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.