NIGERIANO UCCISO A FERMO, ALFANO: “STRONCARE IL GERME DEL RAZZISMO”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:58

E’ accusato di omicidio preterintenzionale aggravato dalla finalità razzista l’uomo che che è stato fermato nella città di Fermo, nelle Marche, per aver causato la morte del nigeriano Emmanuel Chidi Namdi, il richiedente asilo nigeriano, pestato a sangue per aver difeso la moglie dagli insulti razzisti dell’ultrà.

Il ministro dell’interno Angelino Alfano è arrivato oggi nella cittadina marchigiana per presiedere il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica in Prefettura ha sottolineato, durante una conferenza stampa, come le indagini siano subito state condotte nella giusta direzione. “L’Italia, le Marche e Fermo non sono rappresentate da Amedeo Mancini”, cioè l’uomo fermato per l’omicidio, ha dichiarato Alfano, “ma dalla commozione e dalle lacrime che il sindaco di questa città ha versato durante il Comitato, dicendomi che questa non è Fermo”.

“La comunità di Fermo che oggi rappresenta simbolicamente, è rappresentata da questo sindaco, dal suo dolore e dalla sua rabbia – ha continuato il titolare del Viminale – e da chi ieri ha partecipato alla fiaccolata per dire che fermo e l’Italia sono luoghi dell’accoglienza e di umanità e che il grande cuore dell’Italia e degli italiani non è rappresentato da chi ha commesso l’omicidio”.

“Siamo qui – ha concluso – per dare un segno forte e chiaro per scongiurare ogni ipotesi di viralità e contagio, perché sappiamo che da questo episodio seminando odio si può raccogliere sangue. Sappiamo che il germe del razzismo va stroncato prima che semini il proprio frutto avvelenato”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.