Morta a 8 mesi, ha lividi sul corpo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:39

Mistero intorno alla morte di una bambina di soli 8 mesi, avventa la notte scorsa nel Policlinico Uberto I di Nocera Inferiore, nel Salernitano. Da quanto riporta la stampa locale, la polizia sarebbe stata allertata dalla chiamata dei medici, insospettiti dalla presenza di alcuni lividi sul corpo della piccola.

La dinamica

l pm della Procura di Nocera Inferiore ha iscritto al registro degli indagati i genitori della piccola. Si tratta di un atto dovuto, tuttavia non è chiaro come sono andati i fatti. La bambina è arrivata senza vita nel policlinico verso le 3:30 del mattino. Gli agenti del commissariato di Nocera e la Squadra mobile di Salerno stanno continuando ad indagare, ascoltando i genitori della bimba, i vicini di casa e i sanitari. Da quello che emergerebbe sembra che la coppia di genitori della piccola avesse diversi problemi e che vivesse in un situazione di marginalità. Soltanto l'autopsia, predisposta dal Pm per lunedì pomeriggio, chiarirà le cause della morte

La paura

La paura è quella di trovarsi davanti ad un nuovo caso “Mehmed”, il bambino di due anni ucciso esattamente un mese fa dal padre Aljica Hrustic, 25 anni,  nella periferia milanese di San Siro. Come riporta il sito del Corriere della Sera, in quel caso era stato lo stesso “Hrustic ha raccontato di avere colpito suo figlio tirandogli 'un calcio sul petto'. Il bambino aveva effettivamente una costola rotta, ma dai primi esami sembra che quel calcio non sia stato, direttamente, la causa della morte. Per chiarire definitivamente la dinamica del delitto è atteso, per la fine di luglio, il risultato della relazione autoptica del medico legale nominato dal pm”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.