Migranti scendono dalla Sea Watch. Ira di Salvini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:49

Succede tutto in diretta tv. Matteo Salvini, vicepremier e ministro dell'Interno, assiste nel corso di “Non è l'Arena”, trasmissione di La7 condotta da Massimo Giletti a cui è ospite in collegamento, allo sbarco dei 47 migranti a bordo della Sea Watch ferma da due giorni al largo di Lampedusa.

Salvini: “Chi li ha autorizzati a sbarcare?”

Sbarco che giunge nonostante per tutto il giorno il capo del Viminale abbia ribadito il suo no dopo il sequestro dell'imbarcazione della ong. E ora, dagli studi di “Non è l'Arena”, Salvini sbotta: “”Chi è che li ha autorizzati a sbarcare? Io no, non ho autorizzato niente, deve essere qualcun altro. Io sorrido ma è grave. Perché siamo un Paese sovrano con leggi, regole, una storia e nessuna associazione privata se ne può disinteressare. Qualcuno quell'ordine lo avrà dato. Questo qualcuno ne deve rispondere”. Il M5s fa sapere che non sono stati i suoi ministri. Ma Salvini insiste: “Chiunque sia stato ne risponderà davanti agli italiani”. Salvini è chiaro: “Sono pronto a denunciare per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina chiunque sia disponibile a far sbarcare gli immigrati irregolari su una nave fuorilegge. Questo vale anche per organi dello Stato: se questo procuratore autorizza lo sbarco, io vado fino in fondo”. Il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, ha spiegato che i 47 migranti, una volta “messi in salvo saranno affidati a personale della Questura di Agrigento per la identificazione e per i necessari atti di polizia giudiziaria”.

La reazione del M5s

L'alleato di governo reagisce alle parole del segretario della Lega. “Leggiamo che il ministro Salvini accusa un ministro M5s di aver fatto sbarcare la Sea Watch. A parte aver già smentito la cosa, gli ricordiamo che è lui il ministro degli interni ed è lui che deve dare una spiegazione sul sequestro e sullo sbarco, non deve chiederlo agli altri”. Lo sottolineano fonti del M5s.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.