Mattarella ha firmato il decreto per Genova

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:02

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto legge su Genova. Lo si è appreso al Quirinale. Il testo del decreto era arrivato ieri mattina al Quirinale, ma il dl nella forma definitiva predisposto per la firma è arrivato al presidente della Repubblica alle 14.30 di oggi ed è stato firmato da Mattarella alle 17. Dovrebbe essere Claudio Gemme, si apprende in ambienti di governo, il commissario per Genova. Gemme, genovese, proviene da Fincantieri e il suo nome trova molti consensi nella Lega.

Salvini: “Commissario di alta professionalità”

“Oggi abbiamo dato un consiglio, un nome, un cognome e un curriculum di altissima professionalità, genovese che ha girato il mondo”, per la carica di commissario straordinario per Genova, “coinvolto direttamente, anche tramite famiglia, nel disastro”. Lo dice il vicepremier Matteo Salvini a Milano. “Serve un manager, onesto, pulito, riconosciuto, il nome ce l'hanno sia Conte che Di Maio. Spero si chiuda oggi. Domenica e lunedì sarò a Genova”. Salvini non fa nomi ma osserva: “A me sarebbe piaciuto molto anche il sindaco Bucci”, ma “la decisone spetta a Conte”.

Il contenuto

Il provvedimento, aveva detto due giorni fa il vicepremier Luigi Di Maio, prevede norme per una rapida ricostruzione del ponte “senza dare la possibilità ad Autostrade di mettere una pietra. In base alla relazione degli ispettori Autostrade doveva fare molte cose che non ha fatto. Quella relazione ci apre una prateria per revocare la concessione. In quel documento c'è scritto che Autostrade aveva la responsabilità. Ed è stata la responsabile per la distruzione del ponte”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.