Mattarella firma il decreto “salva-Ilva”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:47

Il provvedimento “salva-Ilva” è da oggi in Gazzetta. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ieri pomeriggio ha emanato il decreto legge relativo alle “Misure urgenti per la tutela del lavoro e la risoluzione di crisi aziendali”, approvato dal Consiglio dei Ministri in data 6 agosto 2019. Il dl punta a risolvere alcune importanti crisi aziendali, ristabilire l'immunità per i vertici della ex Ilva, oggi in mano a Arcelor Mittal, tutelare i nuovi lavori come quelli dei rider e favorire i meccanismi di gestione del reddito di cittadinanza attraverso l'assunzione di dipendenti Inps e Anpal Servizi.

Le novità

I primi tre articoli di 16 sono dedicati alla definizione della normativa per le tutele dei rider, modificando il jobs act. Viene ridotto “il cottimo”, che deve essere “in misura non prevalente”, e si introduce la paga oraria, purché il lavoratore accetti almeno una “chiamata”. Ai rider deve poi essere garantita l'assicurazione contro gli infortuni. La modifica al Jobs Acts più importante è quella che apre il decreto e che prevede (art.1) che anche i collaboratori che lavorano «mediante piattaforme anche digitali» devono essere considerati lavoratori dipendenti. Norme anche per favorire la maternità dei collaboratori. Sono poi previsti: la stabilizzazione del precari dell’Anpal (art,4), misura che dovrebbe sbloccare il braccio di ferro ingaggiato sui Navigator – che avevano indetto uno sciopero della fame lo scorso agosto -dal governatore della Campania Vincenzo De Luca; prorogati i contratti del lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità (art.6), dato il via libera all’assunzione di 1003 unità all’Inps nell’area C (art.6); risolto il problema della validità della Dsu (l'autocertificazione sui redditi e patrimoni) necessaria per l’Isee per percepire il reddito di cittadinanza che avrà validità fin da subito per permettere a chi perde il lavoro di accedere più velocemente al reddito di cittadinanza.

Dall’articolo 9, si apre la parte dedicata alle misure a sostegno delle crisi aziendali, in particolare vengono finanziati gli ammortizzatori sociali dei lavoratori occupati nelle aree di crisi industriali complesse in Sardegna e in Sicilia, nella provincia di Isernia. Alla vertenza Whirlpool è finalizzato l’articolo 11 che prevede per le grandi aziende (che hanno più di 4.000 dipendenti in Italia), una forte agevolazione nei versamenti previdenziali, a patto che abbiano stipulato nel 2019 un contratto di solidarietà per una durata di almeno 15 mesi. La misura prevede lo stanziamento di 10 milioni di euro per il 2019 e di 6,9 milioni per l’anno 2020. Infine, l’articolo 14 contiene le misure salva-Ilva. In realtà la norma, applica ai gestori un principio generale del nostro ordinamento per cui “l'esercizio di un diritto o l’adempimento di un dovere imposto da una norma giuridica… esclude la punibilità” (articolo 51 codice penale). In questo caso si chiarisce che, per tutti gli atti compiuti da Arcelor Mittal in “osservanza delle diposizioni contenute nel Piano Ambientale” non possono dar luogo a responsabilità penale. Si mette comunque nero su bianco che “resta ferma la responsabilità” penale, civile e amministrativa per la violazione di norme a tutela della “salute e della sicurezza dei lavoratori“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.