Malore per Umberto Bossi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:56

Grave malore per Umberto Bossi, trasportato con un elicottero medico al pronto soccorso dell'ospedale di Varese dopo aver accusato i sintomi in casa. Il fondatore della Lega sarebbe al momento ricoverato in terapia intensiva ma non sono state rese note le sue condizioni, perlomeno in via ufficiale. Bossi, 77 anni, è rimasto vittima di un non meglio precisato malore e, arrivato in ospedale, sarebbe stato sottoposto a un'angiotac. I medici del presidio sanitario hanno fatto sapere che sulle sue condizioni “seguiranno aggiornamenti domattina, intorno alle ore 12”. Secondo quanto riferito finora, il leader leghista avrebbe accusato il malore nel pomeriggio, attorno alle 16.30, mentre si trovava nella sua casa di Gemonio, in provincia di Varese. Il Senatur sarebbe rimasto vittima di un mancamento, cadendo in terra e battendo la testa.

La situazione

L'allarme è stato lanciato immediatamente dai familiari di Bossi, presenti in casa con lui. I medici, al momento, starebbero valutando se il malore subito possa o meno essere connesso con i problemi di salute che affliggono da anni il presidente a vita della Lega, colpito da un ictus l'11 marzo 2004, dal quale si era solo parzialmente ripreso. I sanitari del 118 intervenuti sul posto hanno provveduto a intubarlo, prima di organizzarne il trasporto con un elicottero. Numerosi i messaggi di vicinanza arrivati dal mondo politico, primi fra tutti quelli della Lega: “Coraggio vecchio leone, siamo tutti con te”, è stato il tweet di Roberto Maroni. Proprio alcune fonti del Carroccio hanno mostrato cauto ottimismo, spiegando che non sarebbe stata riscontrata un'emorragia e che il basso livello dei valori ematochimici potrebbe aver provocato una crisi epilettica. Per nuovi aggiornamenti bisognerà attendere almeno 12 ore, quando i medici ripeteranno la tac.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.