Liguria allagata: esondati 2 fiumi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:51

Ancora una volta la Liguria è stata flagellata dal maltempo e le conseguenze sono state disastrose. Dopo che l’allerta nella mattinata di ieri era stata elevata da gialla a rossa, due corsi d’acqua sono esondati, il Petronio nel Tigullio e il Vara nello Spezzino, una tromba d’aria si è abbattuta su Lavagna e ha scoperchiato un palazzo, costringendo gli abitanti ad abbandonarlo.

Scuole chiuse

Frane, smottamenti, cittadini evacuati in diversi comuni. Decine di sfollati tra Chiavari – dove una donna è stata salvata nella sua abitazione che era stata invasa da un fiume di fango alle spalle di Chiavari – e Spezia, 40 famiglie isolate a Sanremo. Un copione che si ripete annualmente e che forse potrebbe ancora ripetersi. Le previsioni meteo di oggi raccomandano particolare attenzione per la mareggiata che si dovrebbe abbattere tra Portofino e Sarzana; non sarà una replica della tempesta del 29 ottobre 2019, ma comunque un “evento potente”. Oggi, lunedì 4 novembre, scuole chiuse non solo a Sestri Levante, ma anche a Casarza Ligure, Castiglione Chiavarese e Ne; a Lavagna, chiuso solo l’edificio che ospita la scuola media Don Gnocchi a causa delle infiltrazioni d'acqua.

Nuova perturbazione

Oggi, in Italia, tempo in generale miglioramento, grazie al definitivo allontanamento della perturbazione responsabile del maltempo del fine settimana. La tregua però non durerà molto, scrive meteo.it. Già domani, martedì 5 novembre, è atteso l’arrivo di una nuova intensa perturbazione (la numero 3 del mese di novembre) che nella parte centrale della settimana (tra martedì e giovedì) riporterà la pioggia su molte regioni d’Italia, dapprima soprattutto al Centro-Nord e poi anche al Sud, con rovesci e temporali che potrebbero essere anche intensi, specie al Nord-Est e nelle regioni del versante tirrenico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.