Lecco: espulso un imam kossovaro: “Pericoloso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30

Idriz Idrizovic, imam kosovaro 39enne, è stato arrestato ieri e poi espulso dall'Italia perché ritenuto “un pericolo per la sicurezza nazionale”. L'imam, che lascia nel Bel Paese moglie e 5 figli, fu un mujaheddin (un guerrigliero islamista) durante la guerra del Kosovo ed era arrivato in Italia una decina di anni fa con la famiglia. Oggi  è stato espulso dal territorio nazionale, direzione Pristina (la capitale kosovara). 

Proselitismo radicale

Come riporta Ansa, Idrizovic si era stabilito negli utimi mesi a Olgiate Molgora, nella Brianza lecchese (luogo dove è stato arrestato) ma per anni è stato uno dei tanti imam itineranti che predicano nelle moschee di mezza Lombardia. L'uomo è accusato di proselitismo sulla base di esplicite posizioni integraliste.

Amicizie pericolose

L'imam, che lavorava stabilmente in una cooperatica, intrattenva diversi collegamenti con predicatori integralisti e ultraradicali. Tra questi, secondo le indagini del Ros, figurano Idriz Bilbani, kosovaro impegnato nelle attività di propaganda per la radicalizzazione, arrestato nel 2014 dalla Polizia kosovara poiché coinvolto in attività terroristiche, e Husein alias Bilal Bosnic, predicatore itinerante arrestato il 3 settembre 2014 dalla Polizia bosniaca nel corso di un'operazione antiterrorismo, poiché reclutava combattenti da inviare in Siria e Iraq.

Il divieto di entrare in Germania

Secondo le autorità tedesche, dove aveva tentato di emigrare, l'uomo è un “predicatore d'odio” salafita, coinvolto nella radicalizzazione di combattenti stranieri per lo Stato Islamico. Per tale motivo, non gli era stato permesso entrare in Germania. Ora, l'espulsione anche dall'Italia. Il decreto è stato firmato dal ministro dell'Interno Marco Minniti, dopo il lavoro di indagine svolto dal Raggruppamento operativo speciale dell'Arma dei Carabinieri.
   

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.