L'Ansa compie 75 anni e festeggia con Mattarella

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:51

Settantacinque anni di servizio ogni giorno, tutti i giorni e a ogni ora. Niente di strano che il compleanno dell'agenzia Ansa, mezzo immediato e chiaro di diffusione di notize e immagini, abbia visto la partecipazione del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Una presenza che costituisce un'investitura e anche un riconoscimento di non poco conto, che inquadra il lavoro dell'Ansa nell'ottica di “uno strumento con cui si è affermata la libertà di stampa e di informazione nel nostro Paese”. Il Capo dello Stato ha fatto visita dunque alla redazione della maggiore agenzia italiana, la quale svolge un compito che, a ben vedere, è essenziale: aiutare il giornalista a reperire e verificare le proprie fonti. “Informare gli organi di informazione – ha spiegato Mattarella – costituisce elemento decisivo per la democrazia nel nostro Paese. Questo fa comprendere le esigenze di sostegno da parte delle istituzioni. La libertà di stampa è fra i principi portanti della democrazia e della nostra Costituzione”.

#show_tweet#

Libertà di stampa

Accolto nella newsroom dal presidente Giulio Anselmi, dal direttore Luigi Contu e dall'Ad Stefano De Alessandri, il Capo dello Stato è stato omaggiato di una targa nella quale è riportato il primo flash che, nel 2015, ne annunciò l'elezione al Quirinale. Un pegno che ricorda come l'immediatezza delle informazioni viaggi in modo costante e puntuale grazie al lavoro di un'agenzia i cui “75 anni rammentano che l'Ansa è stata lo strumento con cui si è affermata la libertà di stampa e di informazione nel nostro Paese”.

Credibilità e autorevolezza

Sulla questione del filtraggio delle informazioni, al fine di garantire news più complete e comprovate possibile, Mattarella insiste, definendolo un passaggio fondamentale: “Quella della verifica delle notizie è la tradizione delle grandi agenzie. Questo è sempre più importante, anche perché siamo nella stagione delle fake news, con cui è facile costruire notizie e titoli che disorientano, non corrispondenti alla realtà”. Un merito quindi, ma anche una responsabilità, ossia “quella di fornire sempre notizie tempestive, con credibilità e autorevolezza. Tanto più si è autorevoli quanto più le notizie sono confermate. C'è un virus che circola fra le molteplici testate del nostro Paese, e non solo, il timore di 'bucare' una notizia. Per cui c'è da rifuggire dalla tentazione di rincorrere un titolo senza fare le verifiche indispensabili”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.