“La difesa è sempre legittima”. Salvini esulta per il ddl

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:42

195 favorevoli, 52 contrari e un astenuto. Il Senato ha approvato oggi il disegno di legge che riforma gli articoli 1 e 2 dell'articolo 52 del codice penale. Un provvedimento fortemente voluto dalla Lega e che apre alla non punibilità nei confronti di chi agisce per difendere se stesso o altri “in condizioni di grave turbamento, derivante dalla situazione di pericolo in atto”.

Le novità

Nel testo del ddl approvato si legge: “Chi compie un atto per respingere l'intrusione posta in essere agisce sempre in stato di legittima difesa”. Il provvedimento interviene sul margine di discrezionalità tenuto in considerazione dall'autorità giudiziaria nel verificare se si è di fronte a legittima difesa o meno.

I voti favorevoli

Una larghissima maggioranza possibile anche grazie al voto favorevoli dei senatori di due partiti d'opposizione, Forza Italia e Fratelli d'Italia. In una nota ufficiale, il partito guidato da Giorgia Meloni ha rivendicato il proprio voto favorevole ma ha dichiarato di considerare il testo troppo morbido. Per ritenere legittima l'azione di difesa non sarà necessario che il ladro impugni l'arma, ma basterà che la utilizzi a scopo di intimidazione. Con la modifica dell'articolo 2, inoltre, la legittima difesa viene riconosciuta anche a chi si trova in stato di “grave turbamento”. Vengono così allargate le situazioni in cui è esclusa la punibilità in questi casi.

L'esultanza di Salvini

Matteo Salvini, ministro dell'Interno, ha festeggiato l'approvazione del ddl su Twitter, scrivendo: “La difesa è sempre legittima! Dalle parole ai fatti”. Il voto del Senato ha archiviato anche i “mal di pancia” di alcuni parlamentari del Movimento Cinque Stelle che avevano presentato degli emendamenti al ddl, ritirati poi oggi.

Il 'no' di Leu

Il gruppo parlamentare di Leu, invece, ha votato contro e ha confermato la sua bocciatura al provvedimento con le parole del suo leader, Pietro Grasso: “Non può – ha commentato l'ex presidente di Palazzo Madama – e non deve esserci nessun automatismo anche per evitare che possano consumarsi, approfittando di essere nel proprio domicilio, omicidi dolosi preconfezionati, mascherati da legittima difesa. Presumere sempre e comunque l’innocenza di chi usa un’arma in casa e confezionare per legge una zona franca dei canoni della legalità, è un pericolo serio per uno stato di diritto”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.