INPS: IN CALO LA CASSA INTEGRAZIONE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:00

Nel mese di luglio 2015 sono state autorizzate complessivamente 52,4 milioni di ore di cassa integrazione guadagni (CIG), con una diminuzione del 26,9% rispetto a luglio 2014, quando erano state 71,7 milioni. Lo rende noto l’Inps rilevando che i dati destagionalizzati, calcolati per le sole componenti Ordinaria e Straordinaria, evidenziano rispetto a giugno una variazione congiunturale pari a -8,7 per cento.

Dall’analisi nel dettaglio emerge che le ore autorizzate di cassa integrazione ordinaria (CIGO) sono state 16,4 milioni mentre a luglio 2014 erano state 20,2 milioni: si è quindi registrata una diminuzione tendenziale del 19%. In particolare, la flessione è stata pari al 16,8% nel settore Industria e al 24,2% nel settore Edilizia. Le variazioni congiunturali CIGO calcolate sui dati destagionalizzati registrano, rispetto al precedente mese di maggio 2015, una diminuzione del 6,8 per cento. Il numero di ore di cassa integrazione straordinaria (CIGS) autorizzate è stato di 28,4 milioni, con una riduzione del 32,6% rispetto a luglio 2014, nel corso del quale erano state autorizzate 42,2 milioni di ore.

Rispetto a giugno 2015 si registra una variazione congiunturale, calcolata sui dati destagionalizzati, pari a -9,8 per cento. Infine, gli interventi in deroga (CIGD), si sono concretizzati in 7,6 milioni di ore autorizzate, con un decremento del 18,3 per cento se confrontati con luglio 2014, quando erano state autorizzate 9,3 milioni di ore. La forte variabilita’ nel numero delle ore autorizzate di cassa integrazione in deroga, non dipendente da fattori di carattere stagionale ma dovuta ai tempi dei finanziamenti di queste misure, rende impossibile effettuare la destagionalizzazione dei dati.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.