INDUSTRIA IN RIPRESA, CRESCE LA PRODUZIONE A LUGLIO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:30

Cresce la produzione industriale a luglio 2015. Lo rileva un’indagine dell’Istat. Nel secondo mese dell’estate l’indice destagionalizzato è cresciuto dell’1,1% rispetto a giugno mentre nella media del trimestre maggio-luglio la produzione è salita dello 0,5% nei confronti dei tre mesi precedenti. “Corretto per gli effetti di calendario – ha spiegato l’istituto di Statistica – a luglio 2015 l’indice è aumentato in termini tendenziali del 2,7% (i giorni lavorativi sono stati 23 come a luglio 2014). Nella media dei primi sette mesi dell’anno la produzione è cresciuta dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente”.

La crescita coinvolge tutti i principali settori produttivi. Aumentano, infatti, l’energia (+7,1%), i beni di consumo (+1,0%), i beni intermedi (+0,6%) e i beni strumentali (+0,3%)”, prosegue l’Istat. ”In termini tendenziali gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano, a luglio 2015, un forte aumento nel comparto dell’energia (+10,7%) dovuto principalmente a fattori climatici; aumentano anche i beni strumentali (+5,3%) e i beni di consumo (+1,8%) mentre i beni intermedi segnano l’unica variazione negativa (-1,3%)”, continua la nota.

”Per quanto riguarda i settori di attività economica, a luglio 2015, i comparti che registrano la maggiore crescita tendenziale sono quelli della fabbricazione di mezzi di trasporto (+20,1%), della fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+12,0%) e della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+11,7%). Le diminuzioni maggiori si registrano nei settori dell’attività estrattiva (-5,0%), della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (-2,4%) e della fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (-0,8%)”, conclude la nota.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.