Impennata dell’influenza, oltre 1 milione d’italiani passerà il Natale a letto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:23

Oltre un milione di italiani trascorreranno il Natale a letto con l’influenza. Il virus stagionale, quest’anno particolarmente aggressivo, ha registrato una nuova impennata negli ultimi giorni, trainata dai contagi in età pediatrica. Col risultato che, secondo il bollettino di sorveglianza epidemiologica delle sindromi influenzali coordinato dall’Iss (InfluNet), i circa 900 mila malati attuali sono destinati ad aumentare.

A esser colpite sono soprattutto le regioni del Nord e Centro Italia, mentre gli esperti ricordano che c’è ancora tempo fino al 31 dicembre per aderire alla campagna vaccinale.
In particolare, dal 12 al 18 dicembre 2016 si sono toccati i 4,25 casi per mille assistiti, praticamente l’incidenza è raddoppiata rispetto alla settimana precedente, quando erano stati registrati 2,44 casi per mille assistiti. Gli italiani allettati solo nella passata settimana sono stati ben 258.000, per un totale di circa 886.000 casi dall’inizio della sorveglianza. Siamo in pratica, in pieno periodo “epidemico”, ovvero quello maggiormente a rischio contagio.

“Con ogni probabilità – spiega Antonino Bella, responsabile sorveglianza Influet – entro Natale supereremo almeno quota 1,2 milioni di italiani colpiti. Ricordiamo però che fino a fine anno è possibile avere il vaccino gratis, se si rientra nelle categorie di popolazione ‘a rischio’, ovvero over 65, operatori sanitari, donne incinta e malati cronici di qualsiasi età. La copertura dura almeno 6 mesi ma ci vogliono almeno 15 giorni affinché sia efficace, quindi farlo dopo questa data potrebbe essere troppo tardi“. Particolare attenzione viene rivolta agli anziani, di cui solo uno su due si vaccina, pur essendo maggiormente a rischio di sviluppare complicanze come polmoniti a seguito dell’influenza.

Piemonte, P.a. di Trento, Emilia-Romagna, Umbria, Marche sono le aree maggiormente colpite. “Finora l’incidenza si conferma lievemente superiore a quello delle precedenti stagioni influenzali”, prosegue l’esperto, “e ad alimentare il picco di contagi sono soprattutto i bimbi, piccoli untori che contraggono il virus a scuola e lo portano in famiglia“. La fascia di età maggiormente colpita è infatti quella dei bambini al di sotto dei cinque anni in cui si osserva un’incidenza pari a circa 10,41 casi per mille assistiti (con un aumento di circa 4 punti solo nell’ultima settimana). “Ricordiamo – conclude Antonino Bella – che contro i virus influenzali gli antibiotici non servono a nulla e sono anzi controproducenti perché aumentano il rischio di sviluppare resistenza qualora invece si contragga un’infezione batterica grave“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.