Il traforo del Gran Sasso non chiude

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:59

Un tavolo  per evitare la chiusura traforo del Gran Sasso. E' quanto accaduto ieri al Mit. All'incontro, hanno preso parte i rappresentanti del Dipartimento della Protezione civile, del Ministero dell'Ambiente, del Ministero dell'Istruzione, del Provveditorato alle Opere pubbliche di Lazio, Abruzzo e Sardegna, il presidente e il vicepresidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio ed Emanuele Imprudente, nonché esponenti delle due società degli acquedotti coinvolte nella vicenda, di Ispra, Arera, Iss, Ersi Abruzzo, Infn e dell'Autorità Distretto Appennino Centrale.

Gli obiettivi 

“L'adozione congiunta e coordinata di una serie di azioni inter-istituzionali per dimostrare che il Traforo non necessita di essere chiuso e che la tutela della salute dei cittadini e della salubrità dell'acquifero del Gran Sasso è comunque garantita, nel breve e nel lungo termine, senza compromettere la circolazione delle persone e delle merci”. Sono questi, riferisce il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, gli obiettivi su cui c'è stata piena convergenza al tavolo. “Nell'immediato – si legge nella nota del Mit – l'azione di risposta si articolerà su tre direttrici, in attesa che il Commissario straordinario, previsto da un emendamento governativo allo Sblocca cantieri, possa prendere in mano la situazione, con le dovute risorse e prerogative, per la definitiva messa in sicurezza del sistema idrico: un protocollo rafforzato di monitoraggio ambientale e della risorsa idrica facente capo al Ministero dell'Ambiente, una pianificazione dell'emergenza demandata alla Protezione civile di concerto con la Regione e un piano di limitazione della circolazione sulla tratta autostradale, operato dal concessionario Strada dei Parchi di concerto col concedente, ossia il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti”.

La questione inquinamento

Il traforo del Gran Sasso è un tunnel stradale, costituito da due canne, ciascuna a due corsie e a senso unico di circolazione, che attraversa gli Appennini sotto il massiccio del Gran Sasso, in Abruzzo. Lunga 10 km, è la terza galleria stradale per lunghezza in Italia dopo il traforo stradale del Frejus e il tunnel del Monte Bianco. Fa parte dell'autostrada A24 che collega Roma al mare Adriatico passando per L'Aquila e Teramo. È anche utilizzato come via di accesso ai laboratori sotterranei dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Come spiega Il Sole 24 Ore, la Strada dei Parchi (Sdp), società di gestione dell’autostrada A24 Roma-L’Aquila-Teramo su cui si trova il traforo (tratto Assergi-Colledara), paventava la possibile chiusura del traforo a partire dal prossimo 19 maggio, a causa dell’inchiesta giudiziaria sull’inquinamento delle falde acquifere che la vede coinvolta assieme all'Infn, che ha il suo laboratorio all’interno della montagna, e al gestore della rete idrica locale (Ruzzo Reti). A Sdp verrebbe contestata la presenza di toluene, che sarebbe finito nelle falde a seguito di lavori di manutenzione del 2017: secondo i pm, in cantiere si sarebbero dovute prendere precauzioni per evitare la contaminazione. Il processo si aprirà il 13 settembre e Sdp avrebbe chiuso il traforo per evitare la reiterazione del reato.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.