Il primo ospedale a misura di donna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:42

Corpo femminile e corpo maschile non sono uguali, basta dunque con diagnosi e cure nate da una sperimentazione solo su maschi. Si moltiplicano in Europa i summit della medicina ”di genere”. Il Comitato nazionale di Bioetica ha raccomandando di attuare per i farmaci “la sperimentazione distinta per sesso, anche se poco redditizia” e ha deprecato che la donna in tali studi sia considerata “una mera variabile” dei maschi. Che le vengano prescritti, per esempio, dosaggi stabiliti su peso, fisiologia, metabolismo, ormoni maschili. “La medicina è sempre più di genere: le malattie delle donne sono diverse e anche i farmaci dovrebbero essere diversi- evidenzia Donna Moderna-.Ora l'ospedale Macedonio Melloni di Milano diventa la prima struttura “rosa” in Italia con esperti che seguono dall’adolescenza alla menopausa fino alla terza età2.  Con 2.000 parti all’anno, l’ospedale Macedonio Melloni vanta una lunga esperienza come presidio materno-infantile, ma conta anche un centro di medicina interna, che può intervenire in caso di problemi, ad esempio di tipo cardiaco o immunologico. C’è poi anche il Centro Psiche Donna, che fornisce consulenza e interviene in caso di bisogno per difficoltà psicologiche a tutte le età, da quelle legate al bullismo nel periodo adolescenziale fino a quelle dell’età adulta della donna, con particolare attenzione alla depressione ,che colpisce soprattutto la popolazione femminile. Il filo conduttore è la medicina di genere, che negli anni è cresciuta.

I bollini

“Il punto di partenza è la consapevolezza che donne e uomini sono differenti non solo biologicamente. Basti pensare alla risposta ai farmaci, che cambia a seconda del genere, insieme alla diagnostica e dunque anche ai percorsi di cura. Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha ribadito l’esigenza di un approccio diverso”, spiega a Donna Moderna Marisa Errico, direttore medico di  presidio dell'ospedale Macedonio  Melloni. In Italia stanno crescendo le strutture che offrono servizi a sostegno della salute femminile, premiati dai Bollini Rosa. Secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna (Onda) sono 335 quelli che si sono distinti, e di questi 96 hanno ottenuto tre bollini, il massimo della valutazione (nella precedente rilevazione erano 76), mentre 167 strutture ne hanno ricevuti due e 72 si sono visti assegnare un bollino. I riconoscimenti, precisa il settimanale, sono frutto di una valutazione che ha tenuto contro delle specialità cliniche nell’affrontare alcune patologie tipicamente femminili (o comuni anche agli uomini, ma affrontate con percorsi differenziati), dei percorsi diagnostico-terapeutici offerti alle donne insieme a servizi clinico-assistenziali e, infine, dell’accoglienza e degenza per le donne (presenza di volontari, mediatori culturali o assistenti sociali).

Per tutte le età

È il primo in assoluto in Italia e si ispira al Brigham and Women Hospital di Boston: è l’ospedale Macedonio Melloni di Milano, diventato il primo ospedale interamente dedicato alle donne. “Vengono prese in carico dall’adolescenza fino alla menopausa e oltre da team di esperti tra i quali c’è anche un medico del lavoro, che si occupa di eventuali problematiche delle donne proprio nel mondo del lavoro”, sottolinea il settimanale diretto da Annalisa Monfreda. Nato nel 1912 come presidio per l’infanzia abbandonata e a sostegno delle donne in difficoltà, oggi l'ospedale Macedonio Melloni è una delle strutture più all’avanguardia nella medicina di genere, tanto da essersi guadagnata il primato con il suo progetto Ospedale della Donna.

Presa in carico

“Può contare su èquipe composte dai migliori professionisti che possono prendere in carico la donna dal periodo dello sviluppo, dunque adolescenza o preadolescenza, fino alla menopausa, seguendola con ginecologi, immunologi, endocrinologi, psicologi e anche un medico del lavoro. Questo è reso possibile grazie ai professionisti di cui l’ospedale disponeva già e a cui si sono aggiunti i colleghi dei poli ospedalieri Fatebenefratelli, Sacco e Buzzi. La vera svolta, però, è rappresentata dalla creazione di quattro percorsi diagnostico-terapeutici, pensati in funzione delle diverse età della donna e delle esigenze che possono presentarsi nel corso della sua vita”, spiega la dottoressa Errico a Donna Moderna “Sviluppo puberale, con pediatra, endocrinologo o psicologole che possono affrontare eventuali criticità del periodo 11-18 anni. C’è poi quello dedicato alla poliabortività, che dunque ha a che fare con il periodo fertile della vita di una donna (19-50 anni). Abbiamo poi pensato di dedicare uno spazio speciale alla menopausa che riguarda una fetta sempre più lunga della vita, dai 45/50 anni fino ai 60. Il quarto percorso, invece, è riservato alla senescenza (over 60)”, aggiunge Errico. “C’è poi anche un servizio aggiuntivo che si chiama “Donne e lavoro”: un medico del lavoro, che in passato si occupava soltanto delle lavoratrici interne, ora è disposizione di tutte e può consigliare e supportare tutte coloro che magari hanno dubbi o difficoltà a rientrare nel mondo professionale dopo una gravidanza. Oppure interviene in caso di patologie invalidanti”,  dichiara al settimanale il direttore di presidio dell’ospedale milanese.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.