I magistrati a Renzi: le toghe sono “coscienza critica”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:16

L’Anm risponde a Matteo Renzi che aveva chiesto ai magistrati di parlare “un po’ più con le sentenze e non con le interviste”. Quella di un presunto protagonismo delle toghe è una storia che va avanti da decenni e ha sempre infastidito il mondo dei giudici. “I magistrati fanno la loro parte e continueranno a farla con i processi, in questo caso nel contrasto alla corruzione – ha detto il presidente dell’Associazione nazionale magistrati. Rodolfo Sabelli – Ciò non toglie che la magistratura associata intenda collaborare, con i propri suggerimenti che nascono dall’esperienza e possa anche essere una coscienza critica”.

I giudici, dunque, vogliono contribuire a dare una mano alla politica onesta con cui condividono l’obbiettivo “comune del contrasto alla criminalità e alla corruzione”. “Credo che chi ha il compito di proporre nuove leggi e di approvarle debba giovarsi dell’esperienza di chi lavora sul campo” ha detto ancora Sabelli “la magistratura associata svolga proprio questo compito di contribuire, come sa, attraverso la propria esperienza. E’ chiaro che in questo svolge anche una funzione di coscienza critica. Di apprezzamento e, se del caso, anche critica”. Infatti, ha proseguito il presidente dell’Anm ricordando una sua intervista di questi giorni, sulla corruzione “ho detto che le misure decise sono insufficienti, sono un ‘antipasto’ al quale devono seguire altre cose”. “Ho chiesto una risposta forte alla corruzione, e lo ribadisco – ha concluso – servono strumenti efficaci e in tempi veloci. Servono interventi mirati e specifici”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.