Elezioni regionali: Calabria e Emilia Romagna sono chiamate alle urne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Oggi, dalle 7 alle 23, Calabria ed Emilia Romagna sono chiamate al voto per la scelta del governatore e il rinnovo dei rispettivi consigli regionali. Ad essere coinvolti saranno complessivamente 5,4 milioni di elettori ovvero 3.460.402 persone nei 340 comuni dell’Emilia Romagna e 1.897.729 nei 409 comuni calabresi.

Le opzioni di voto sulla scheda elettorale sono 4: votare solo per un candidato alla presidenza; solo per una lista; per un candidato governatore e per una delle liste collegate; per un candidato governatore e per una lista di un altro raggruppamento.
In Emilia Romagna sono in 6 ad aspirare alla vittoria: Stefano Bonaccini, candidato del centrosinistra ovvero di Partito Democratico e Sel; Alan Fabbri, espressione di Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia; Giulia Gibertoni del Movimento 5 Stelle; Maurizio Mazzanti dei Liberi cittadini per l’Emilia Romagna, lista movimentata dagli ex esponenti dello stesso Movimento 5 Stelle Giovanni Favia e Federica Salsi; Alessandro Rondoni del Nuovo Centro Destra; Cristina Quintavalla dell’Altra Emilia Romagna. Secondo gli ultimi sondaggi, a succedere al dimissionario Vasco Errani sarà Bonaccini.

In Calabria invece i 348 candidati sono distribuiti in 15 liste, per un posto nell’assemblea legislativa. In lizza per la presidenza della giunta ci sono Wanda Ferro di Forza Italia e Fratelli d’Italia, già presidente della provincia di Catanzaro; Mario Oliverio del PD, già alla guida della provincia di Cosenza; Cono Cantelmi del Movimento 5 Stelle; Nico D’Ascola sostenuto da Nuovo Centro Destra e Udc; Domenico Gattuso della lista Tsipras-Rifondazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.