Direzione Pd, resa dei conti rinviata, Renzi: “Prima aiutiamo Mattarella”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:58

Smessi i panni del premier, alla direzione Pd Matteo Renzi, dopo tre anni, parla più da segretario che da uomo delle istituzioni. Rinvia un confronto che “sarà duro” al termine della crisi di governo e assicura che il Pd non ha “paura di niente e di nessuno“. Se gli altri partiti vogliono “votare subito dopo la sentenza della Corte lo dicano chiaramente. Il Pd non ha paura della democrazia e dei voti”. I dem, forti del loro ruolo di partito di maggioranza relativa, sono chiamati “a dare una mano al presidente della Repubblica a chiudere la crisi”.

Lui, intanto, si è preso un break. Perché tra gli annunci fatti c’è anche quello che Renzi non farà parte della delegazione che salirà al Quirinale e che poi riferirà alla Direzione riunita in sede permanente. Ne faranno parte Lorenzo Guerini, Matteo Orfini, Luigi Zanda e Ettore Rosato.

“Domattina torno a casa per festeggiare gli 86 anni della mia nonna più giovane. Poi ho un torneo alla Playstation con i miei figli, speriamo di avere più fortuna di quanta ne ho avuta qui con qualcun altro…”, ha spiegato lo stesso leader Pd. Che però, chiudendo la sua enews, più che i toni dell’addio ha scelto quelli dell’arrivederci: “Troveremo un modo per non disperdere la bellezza di quello che avete fatto. Di quello che siete. Ci sono milioni e milioni di italiani che credono a un altro modello di politica”. Per Renzi, “è già tempo di rimettersi in cammino”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.