Di Maio, fra stampa e Ue

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:16

Il sistema mediatico e il sistema europeo ormai hanno deciso che questo governo deve cadere il prima possibile, ma più fanno così e più ci compattano”. E' decisa la replica del vicepremier Luigi Di Maio, arrivata durante un incontro con gli imprenditori in Basilicata, alle tensioni che stanno alimentando i rapporti fra Italia e Unione europea, ai ferri corti dopo la bocciatura del Def da parte della Commissione. E, nel mettere di nuovo in chiaro la posizione dell'esecutivo sulla Manovra, ribadisce i parametri che hanno portato al contratto di governo giallo-blu: “Siamo due forze politiche molto diverse che si sono messe insieme con un contratto di governo, ma stanno riuscendo nel miracolo di compattarci con questi attacchi continui perché dobbiamo difenderci e dobbiamo reagire, ma soprattutto dobbiamo difendere l’Italia”.

Terremoto politico in Ue

Il ministro dello Sviluppo economico non ha chiuso le porte a Bruxelles, spiegando che “se c’è una volontà di dialogare con questo governo, noi siamo i primi: ci accampiamo a Bruxelles e gli spieghiamo tutto quello che vogliamo fare, gli spieghiamo i fondamentali dell’Italia” che, ribadisce, ha “scelto di fare un po' di deficit” per soddisfare la crescita del Paese. A ogni modo, Di Maio non ha nascosto le sue sensazioni sul futuro di questa Unione spiegando che alle prossime elezioni del 2019 “ci sarà un terremoto politico a livello europeo e tutte le regole cambieranno. In tutti i Paesi europei i sondaggi mostrano che sta per accadere quello che è accaduto qui il 4 marzo si vedrà con le elezioni europee e questo ci aiuterà”.

Vitalizi

Nel frattempo, Di Maio torna sulla questione vitalizi, affermando che “nella legge di bilancio ci sarà una norma che dice alle Regioni che se non aboliscono i vitalizi, la quota parte di soldi che spendono per i vitalizi non la trasferiamo più dallo Stato centrale. Questo meccanismo è replicabile in tanti altri strumenti, al netto delle autonomie regionali garantite dal titolo V della Costituzione, che non vogliamo cambiare per non infilarci in riforme monstre. Useremo la leva dei trasferimenti anche per i rifiuti”.

Di Maio e Repubblica

Prosegue intanto la querelle fra il vicepremier e il quotidiano Repubblica e il gruppo L'Espresso sulla questione del piano esuberi: “Nei media c'è un conflitto di interesse pazzesco… Da una parte c'è Berlusconi, dall'altra De Benedetti. Io non ho neanche il potere di negare il diritto di critica: quindi adesso non si mettano a fare le vittime alcuni giornali dopo che mi hanno riempito e impallinato con fake news per sei anni. Abbiano almeno la decenza di sapere che il Ministro dello Sviluppo economico non ha nessun potere per chiudere un giornale e meno male”. Un affondo criticato dalle maggiori testate nazionali (oltre a Repubblica, anche il Corriere, La Stampa e il Fatto quotidiano, che ha diramato un comunicato di solidarietà) e anche dall'ex premier Matteo Renzi: “Per mesi hanno insultato, deriso, calunniato molti di noi. Ci hanno rovesciato addosso quintali di fango. E tutti in silenzio a guardare l'aggressione. Qualcuno addirittura ci diceva: 'Ma dai, fateci un accordo. Non vedete che alla fine sono dei bravi ragazzi?'. Poi Di Maio e i cinquestelle hanno tirato giù la maschera e adesso fanno il tifo per la chiusura dei giornali: un ministro del lavoro che si compiace dei licenziamenti, un vicepremier che attacca la libertà di stampa. Mai visto in italia. Altrove sì, ma non in italia”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.