Di Maio: “Decreto per Genova oggi al Colle”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:07

Il decreto per Genova “in giornata va al Quirinale, deve andarci. E' stato scritto tanti giorni fa ed è pronto”. Lo ha assicurato il vicepremier Luigi Di Maio a Radio Capital durante la trasmissione Circo Massimo. “E' stata data una interpretazione che il ministero dell'Economia voleva fermarlo, in realtà entro stanotte la ragioneria dovrebbe bollinarlo” ha spiegato.

Il decreto

Il provvedimento, ha aggiunto, prevede norme per una rapida ricostruzione del ponte “senza dare la possibilità di dare ad Autostrade di mettere una pietra. In base alla relazione degli ispettori Autostrade doveva fare molte cose che non ha fatto. Quella relazione ci apre una prateria per revocare la concessione. In quel documento c'è scritto che Autostrade aveva la responsabilità. Ed è stata la responsabile per la distruzione del ponte”.

“Le coperture ci sono”

Nelle ultime ore il governo ha smentito le voci sulla carenza di coperture finanziarie. “Quanto alle notizie diffuse sul decreto emergenze e sulle presunte carenze di coperture finanziarie che sarebbero all'origine di ritardo nella sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, si precisa che queste notizie non corrispondono al vero” si legge in una nota della Presidenza del Consiglio che precisa: “Gli interventi in conto capitale sono integralmente finanziati. Parimenti, quelli di parte corrente sono integralmente finanziati per il 2018 e, in parte, per gli anni successivi. Per la parte residua, sarà data copertura nella prossima legge di bilancio, che sarà presentata al Parlamento il 20 ottobre”. In definitiva, conclude la nota, “nessun ritardo per l'avvio delle misure di sostegno contenute nel decreto tant'è che dal Mef hanno appena confermato di avere terminato le valutazioni di propria competenza e che il decreto legge sta per essere inviato al Quirinale”.

Preoccupato

Il governatore ligure, Giovanni Toti, da parte sua si era detto stupito e preoccupato dalle voci “di un ulteriore stop al decreto Genova, fermo, a quanto pare, alla Ragioneria dello Stato, ancor prima di arrivare al vaglio della Presidenza della Repubblica dove, secondo gli annunci, sarebbe dovuto arrivare già da alcuni giorni. Mi chiedo se non sia più opportuno il ritiro del Decreto per ricominciare da capo su basi più solide, condivise e realistiche“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.