Di Battista come Di Maio: “La Francia domina l'Africa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:31

Aalessandro Di Battista torna sul tema dei rapporti monetari tra la Francia e le sue ex colonie in Africa, indicato da Luigi Di Maio come una delle cause dell'emigrazione dal continente più povero del pianeta. “Se non affrontiamo il tema della sovranità monetaria in Africa, non potremo mai risolvere veramente il problema”, ha scritto Di Battista sul Blog delle Stelle, postando anche il video della sua partecipazione di ieri a Che Tempo Che Fa“. 

Il sistema

Attualmente la Francia, ha spiegato, “nei pressi di Lione, stampa la moneta utilizzata in 14 Paesi africani, quasi tutti Paesi della zona subsahariana. I quali non soltanto utilizzano una moneta stampata dalla Francia, ma per mantenere il tasso fisso, prima con il Franco francese e oggi con l'Euro, sono costretti a versare circa il 50% dei loro denari in un conto corrente gestito dal Tesoro francese. Conto corrente con il quale viene finanziata una piccola parte del debito pubblico francese, ovvero circa lo 0,5%“.

Sovranità monetaria

Ma soprattutto, ha aggiunto, la Francia, “attraverso il controllo geopolitico di quell'area, dove vivono 200 milioni persone che utilizzano banconote e monete stampate in Francia, gestisce la sovranità di interi Paesi impedendo la loro legittima indipendenza, la loro sovranità monetaria, fiscale, valutaria e la possibilità di fare politiche espansive. Fino a quando non si strapperà questa banconota, che in realtà – accusa – “è una manetta nei confronti dei popoli africani, noi potremo continuare a parlare a lungo di porti aperti o porti chiusi, ma le persone continueranno a scappare, a morire in mare, a cercare altre rotte e a provare a venire in Europa. Oggi è necessario, per la prima volta, occuparsi delle cause, perché se ci si occupa esclusivamente degli effetti si è nemici dell'Africa“. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.