Dal Mef: “Accordo raggiunto con Bruxelles”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:14

Stavolta sembra proprio che l'intesa sia stata raggiunta fra Italia e Bruxelles, almeno secondo quanto riferiscono fonti del Ministero dell'Economia. Il premier Giuseppe Conte, nel pomeriggio, ha parlato al telefono sia con Dombrovskis che con Moscovici proprio nell'ambito del dialogo aperto con la Commissione europea sulla legge di Bilancio. Sembra che, nel corso dei colloqui, Conte abbia ribadito che i temi base della Manovra restano intoccabili (reddito di cittadinanza e Quota 100) e l'impegno a garantire un deficit al 2,04% ma, al momento, è proprio da Palazzo Chigi che arriva l'invito alla prudenza su quanto stabilito fra Roma e Bruxelles. Secondo la fonte del Mef, infatti, l'annuncio del trovato accordo arriverà addirittura mercoledì, mentre dal gabinetto del premier la parola d'ordine resta vigilanza: “Rispetto alle anticipazioni sull’esito del negoziato con la Commissione Ue, c’è prudenza da parte di Palazzo Chigi. E' essenziale conservare la riservatezza anche nell’ultimo tratto del negoziato”.

Prudenza necessaria

Stando a quanto riferito dalla presidenza del Consiglio dopo le indiscrezioni circolate da Via XX settembre, finora “ci sono state solo comunicazioni verbali dei commissari Moscovici e Dombrovskis, ma non c’è ancora la comunicazione ufficiale da parte della Commissione. Allo stato vi è la ragionevole previsione che la proposta che sarà portata domani all’attenzione del Collegio della Commissione sarà positiva, utile a evitare l’infrazione. Ma occorre attendere che si completi la procedura per poter considerare definitivamente conclusa la negoziazione”. Tutto sospeso, dunque, in attesa che da Bruxelles arrivi un passo, se non ufficiale, perlomeno ufficioso in direzione del governo italiano il che, in caso, significherebbe accordo raggiunto e procedura d'infrazione evitata. Uno scenario che, senza dubbio, favorirebbe la discussione in Senato del testo del maxiemendamento, spedito alla Commissione dal ministro Tria un paio di giorni fa.

In aggiornamento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.