Conte replica a Tusk: “Non sono una questione elettorale”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:52

Imigranti non sono una questione elettorale”: lo dice all'Europa (all'Italia in particolare) Donald Tusk e lo dice anche il premier Giuseppe Conte, in risposta all'affermazione del Presidente del Consiglio europeo. Conte replica, dice che ne è consapevole e, da Salisburgo, spiega che “gli appuntamenti elettorali sono distanti, la realtà è che l’immigrazione è un tema importante sul quale la politica con la P maiuscola deve essere pronta ad assumersi responsabilità e a dare risposte complessive”. Qualche ora prima era arrivato il monito di Tusk che invitava a non utilizzare il tema delle migrazioni per un tornaconto di tipo politico: “I 28 – aveva poi precisato via Twitter – non possono essere divisi tra chi vuole risolvere il problema e chi lo usa in chiave elettorale”.

Conte: “Manovra? Offra risposte”

Niente di decisionale era previsto a Salisburgo e, forse per questo, il premier si è recato in Austria con l'intento più che altro di trarre qualche spunto di riflessione comune con altri rappresentanti dei Paesi europei. Senza tuttavia lasciare da parte i nodi centrali del nostro Paese, Manovra in primis, in quanto terreno di dibattito fra i ministri Di Maio e Tria: “Confido che si possa uscire da questo vertice con uno scambio costruttivo – ha detto ancora il presidente del Consiglio -. La linea del governo non è superare il 2% o tenere '1,x' o 'l’1,y' ma di fare una manovra seria, credibile e coraggiosa che offra risposta ai cittadini che allo stesso tempo consenta la ripresa economica. Non è il momento di dichiarare i decimali, non ci dobbiamo impiccare sui decimali”.

Mini-eurosummit

A proposito del breve summit di Salisburgo, in programma fra qualche ora, Conte ha spiegato ai cronisti di non essere pessimista poiché “questo come sapete è un vertice informale: il che significa che non siamo qui a rassegnare delle conclusioni, a elaborare e condividere un testo scritto, ma è un importante passaggio in vista del Consiglio che si terrà a ottobre per avere uno scambio e cercare di avvantaggiarci nel processo di attuazione delle conclusioni dello scorso giugno”. Argomenti dibattuti nel corso di oltre 4 ore di cena fra i leader dell'Unione, occasione per fare il punto su alcuni temi e preparare il terreno al rinnovamento dell'Europarlamento fra qualche mese, oltre che l'accordo finale per la Brexit, prima e più importante scadenza, da un lato e dall'altro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.