Consenso in aumento per il governo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:30

Cresce il consenso del governo gialloverde fra gli italiani. Lo dice un sondaggio commissionato all'istituto di ricerca Ipsos dal “Corriere della Sera” a due mesi dall'insediamento. Il 61% degli intervistati ha fornito un giudizio positivo sull'operato dell'esecutivo. Non si tratta di un gradimento limitato agli elettori di Lega e Movimento 5 Stelle: il 77% di chi nelle urne ha scelto Forza Italia o Fdi si è detto soddifatto di come sta lavorando la squadra di Conte finora. Un consenso trasversale, dunque, che coinvolge anche la figura del premier, apprezzato dal 69% degli intervistati. 

I ministri

Tra i membri del governo è Matteo Salvini a conquistare la palma del più amato con il 60% di favorevoli sul campione analizzato. Segue di poco Luigi Di Maio (58%), che precede a sua volta il collega di partito Danilo Toninelli (46%). Nel giudizio favorevole sull'operato del capo politico dei 5 Stelle deve aver pesato il discusso decreto Dignità che, in un recente sondaggio condotto sempre da Ipsos, viene salutato positivamente da ben 3 italiani su 4. In particolare, oltre il 70% degli italiani intervistati hanno dichiarato di apprezzare la stretta sulle delocalizzazioni, l'introduzione delle restrizioni per la sponsorizzazione di società legate al gioco d'azzardo e l'aumento previsto per gli indennizzi in caso di licenziamento senza giusta causa.

I precedenti

La luna di miele con gli italiani che sta conoscendo Giuseppe Conte non è stata vissuta dai suoi predecessori più recenti. Ad esempio, il governo Letta, ad appena un mese dall'insediamento, poteva contare su un gradimento di appena il 31% degli italiani secondo il sondaggio realizzato dall'istituto Swg nel maggio del 2013 per la trasmissione di Raitre, Agorà. L'allora primo ministro, Enrico Letta, veniva apprezzato dal 44% del campione consultato. Nel marzo del 2014, invece, nel primo mese del governo Renzi, era il 56% degli intervistati a dare un giudizio positivo sulla squadra dell'ex sindaco di Firenze. 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.