Calenda duro: “Serve un segretario psichiatra”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:50

Suona come un avviso ai naviganti il monito lanciato da Carlo Calenda durante la sua intervista a 'Radio Capital', durante la quale ha spiegato le motivazioni della cancellazione della cena a quattro che, in teoria, sarebbe dovuta servire a far quadrare le posizioni dei leader dem. E l'ex ministro, nell'illustrare il quadro generale che sta rendendo assai difficile la vita al Nazareno, spiega che ai dirigenti non importa di perdere le elezioni europee (e quelle regionali), concentrati come sono all'imminente Congresso: “Sta diventando un posto in cui l'unico segretario che si dovrebbe candidare è il presidente dell'associazione di psichiatria”. E su Twitter rincara la dose: “Per me l’unico prossimo passo è portare a cena i miei figli. Pizza, Chinotto e insalata (per me). E archiviamo così la cena delle beffe”.

 

#show_tweet#

 

Il caso Renzi

Un'uscita a vuoto la famosa cena chiarificatrice che pure, inizialmente, sembrava davvero l'opportunità giusta per mostrare quantomeno un minimo di unità di intenti sul futuro del Partito democratico con altri leader della vecchia guardia, come Renzi, Minniti e Gentiloni. Niente di tutto questo, Calenda se ne rammarica e avverte: “Sono convinto – ha detto a 'Circo Massimo' – che alle prossime europee non ci debba essere il Pd. Serve un fronte repubblicano, progressista, che recuperi la parte di parte di classe dirigente locale e nazionale capace ma che spazzi via un partito che ha come unico obiettivo quello di spartirsi una torta sempre più piccola tra dirigenti che sono usurati, che pensano solo a questo dalla mattina alla sera”. Sul rapporto con gli ex colleghi di esecutivo, però, spiega che con almeno due di loro “parla continuamente”. Sul terzo elemento la situazione è diversa: “Nel Pd c'è un'entità, che si chiama Renzi, che non si capisce cosa voglia fare e che va avanti per conto suo. E' una roba un pò singolare. E' stato un presidente del Consiglio che all'inizio aveva veramente voglia di cambiare l'Italia e che ha fatto cose buone. E' un grosso peccato”.

Impasse destabilizzante

Saltato il tavolo (non “la tavola”, come spiegato da un utente su Twitter in risposta a Calenda), la situazione in casa dem comincia davvero a essere precaria. Domenica scorsa, il segretario Martina aveva annunciato che il Congresso sarebbe stato fatto e che le primarie si sarebbero svolte a gennaio, scongiurando gli spettri della rifondazione paventati da Orfini e i dubbi sulla reale volontà di riunirsi avanzati da Zingaretti. Ora, però, lo scenario appare decisamente più fragile e non solo da un punto di vista interno: “L'unica cosa che vuole fare il Pd in questo momento – ha concluso Calenda – è una resa dei conti fra renziani e antirenziani in vista di un congresso che doveva esserci, per me, settimane fa, e tutto sarà paralizzato in questa cosa di cui al Paese non frega nulla. Nel frattempo, l'opposizione si fa in ordine sparso”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.