BERLUSCONI: “NON MI CANDIDO A PREMIER MA RESTO IN CAMPO CON FI”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:46

Silvio Berlusconi non sarà più il candidato premier del centrodestra. “Ho sempre detto di voler fare il regista – ha detto in occasione della cena con i parlamentari azzurri in occasione del suo 79esimo compleanno – e poi a questa età non si coltiva questo progetto”. Ma per l’ex Cav non puntare più a palazzo Chigi non significa fare passi indietro. “Resto in campo, sento la responsabilità del Paese” e Forza Italia tra due anni “sarà di nuovo il primo partito”. “Mi sono sempre dato traguardi impossibili, poi raggiunti sempre al cento per cento. Riuscirò anche questa volta”, ha garantito il Cav, cercando anche di rassicurare gli azzurri e allontanare lo spettro di nuovi addii dal partito. Se ne sono andati? “Siamo contenti. Ora siamo piu’ uniti e coesi”, ha sdrammatizzato Berlusconi.

Il clima dentro il partito però non è dei migliori e la paura che altri parlamentari possano seguire le orme di Denis Verdini resta alta. Gli addii poi non riguardano solo i parlamentari ma anche sul territorio Fi continua a perdere pezzi. Dopo Bologna, dove tre consiglieri azzurri hanno dato vita ad una lista in contrasto rispetto alla scelta del futuro candidato sindaco, oggi è il turno del Trentino Alto Adige con le dimissioni del coordinatore Enrico Lillo. L’esponente azzurro ha inviato una lettera a Berlusconi per comunicare la decisione di lasciare il suo incarico.

Insomma la situazione continua ad essere delicata ecco perché l’intervento dell’ex capo del governo, al di là dei festeggiamenti, ha lo scopo di serrare i ranghi del partito. L’ex premier coglie l’occasione per ribadire ancora una volta l’intenzione di tornare sulla scena politica convinto che la sua presenza possa aiutare Fi a risalire la china dei sondaggi. Un messaggio chiaro che il Cavaliere utilizza per rassicurare i suoi ma per mandare un messaggio forte anche a Matteo Salvini che non fa mistero di avere altre idee sulla leadership del centrodestra: “A Berlusconi non chiedo prudenza ma coraggio” è il messaggio lanciato dal segretario del Carroccio. Il faccia a faccia tra i due non è stato ancora fissato, anche perché spiegano i berlusconiani, se non si fa chiarezza su alcuni punti è inutile vedersi. Prima ancora della ricomposizione del centrodestra infatti Forza Italia e Lega devono sciogliere il nodo della candidatura al comune di Milano.

Un passaggio fondamentale anche per capire gli equilibri di forza dei due partiti. All’incontro conviviale hanno partecipato molti parlamentari azzurri che per i 79 anni del Cavaliere hanno fatto una inedita colletta per l’acquisto del regalo: ogni parlamentare infatti ha contributo con 50 euro all’acquisto di un manoscritto del 1500.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.