Aumenta la fiducia dei consumatori a 116,6 punti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:41

Dati positivi arrivano dall'Istat che rivela un aumento della fiducia dei consumatori nel mese di dicembre 2017. Secondo l'Istituto di Statistica, il clima di fiducia dei consumatori è salita da 114,4 a 116,6 punti. E' livello più alto dopo il mese di gennaio 2016. Non solo: l'Istat precisa che l'indice composito del clima di fiducia delle imprese rimane sostanzialmente stabile (da 108,8 a 108,9 punti). Il miglioramento della fiducia dei consumatori è essenzialmente dovuto alla positiva evoluzione della componente economica e di quella corrente (da 139,4 a 143,0 punti e da 110,1 a 112,0 punti rispettivamente) mentre l'aumento è più contenuto per la componente personale e futura

La fiducia futura

La componente personale della fiducia dei consumatori passa da 105,7 a 106,9 punti mentre quella futura passa da 119,9 a 121,3 punti. Si evidenzia un aumento del saldo relativo sia ai giudizi sia alle aspettative sulla situazione economica del Paese nonché un ridimensionamento delle aspettative sulla disoccupazione; per quanto riguarda la situazione personale, migliorano i giudizi sulla situazione economica della famiglia mentre peggiorano le aspettative. L'indice del clima di fiducia dei consumatori, espresso in base 2010=100, sale a dicembre a 116,6 punti con una crescita per tutte le componenti del clima. Il giudizio sulla situazione economica della famiglia passa da -26.9 a -23,8 punti mentre il dato sulle attese sulla situazione economica della famiglia passa da -3,4 a -7,5 punti

#show_tweet#

Dati stabili

L'indice composito del clima di fiducia delle imprese a dicembre rimane sostanzialmente stabile (da 108,8 a 108,9 punti) rispetto a novembre. A tal proposito, l'Istat spiega che segnali eterogenei provengono dai climi di fiducia dei settori indagati. In particolare, cala lievemente nel settore manifatturiero (da 110,7 a 110,5 punti), è in decisa diminuzione nelle costruzioni (da 132,1 a 127,1 punti) ed è in aumento sia nei servizi sia nel commercio al dettaglio (i climi passano, rispettivamente, da 108,3 a 108,9 punti e da 110,1 a 112,3 punti).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.