Alfano: Salvini leader centrodestra? Non andiamo da nessuna parte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:18

Rispetto alle europee è stato un raddoppio di voti per la Lega Nord: da 116 mila a 230 mila consensi. Clamorosa invece la debacle di Forza Italia. Silvio Berlusconi a sorpresa ha fatto una sorta di “endorsement” a favore di Matteo Salvini che così entra nella rosa dei possibili candidati alla leadership del centrodestra: provocando la reazione rabbiosa dei frondisti azzurri e di Ncd. L’ex premier è un fiume in piena, sia nella riunione del comitato di presidenza del partito e poi alla presentazione del libro di Bruno Vespa. Berlusconi non ha nessuna intenzione di mettere in discussione gli accordi con Renzi: “Ci danno delle garanzie” ha spiegato, come l’elezione di un Capo dello Stato non ostile (“deve essere super partes”). E poi la garanzia di una strada con pochi ostacoli per riavere l’agibilità politica: “Alle prossime elezioni – ha promesso – sarò candidabile e spiegherò agli italiani la mia innocenza”.

Sia nell’ufficio di presidenza che poi nella presentazione del libro di Vespa l’ex premier non lesina lodi al leader del Carroccio: “E’ bravissimo – dice – sa come prendere voti”. Certo, l’ex premier è convinto di essere l’unico a poter riunificare l’area di centro destra ma non esclude sorprese: “Potrei fare il regista, lui è un bravo attaccante” senza escludere nemmeno l’ipotesi di una sfida elettorale per la premiership tra i due Mattei. Intanto Angelino Alfano, dal salotto di ‘Porta a porta’ chiude a questa opportunità. “Con questa squadra – ha spiegato, riferendosi alle parole del Cavaliere – non andiamo da nessuna parte, se è fatta dall’estrema destra”. E ancora: “Io sono pronto e noi siamo pronti a dare il nostro contributo alla ricostruzione del centrodestra ma se questo significa mettere il centrodestra nelle mani di Salvini noi diciamo ‘no’, siamo totalmente contrari”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.